Acea, Marino propone taglio compensi cda a 792.000 euro da oltre 2 mln

giovedì 5 giugno 2014 13:55
 

ROMA, 5 giugno (Reuters) - Il nuovo consiglio di Acea , ridotto a sette da nove componenti e completamente rinnovato per la rappresentanza pubblica, deve avere compensi complessivi per meno di 800.000 euro dagli oltre 2 milioni pagati nel 2013.

Lo chiede in assemblea l'azionista di controllo Roma Capitale, al 51% del capitale, per bocca del sindaco Ignazio Marino che ha elencato la proposta dei nuovi compensi.

Agli amministratori andranno 26.000 euro lordi "omnicomprensivi" ha detto il sindaco, che ha poi spiegato che alla presidente appena eletta, Catia Tomasetti, andranno 120.000 euro mentre l'AD, che sarà Alberto Irace, avrà un compenso fisso di 260.000 euro e uno variabile di 210.000, "correlato a variabili economico finanziarie e al raggiungimento di obiettivi qualitativi sulla qualità dei servizio ai cittadini", ha detto Marino.

Il rappresentante francese ha argomentato il voto contrario con motivazioni "tecnico giuridiche" dicendo che "Acea deve avere compensi in linea con il mercato e le modifiche per gli amministratori esecutivi andrebbero votate in assemblea straordinaria".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia