Forex, euro/dlr stabile poco sopra minimi da 4 mesi in attesa Bce

giovedì 5 giugno 2014 10:31
 

LONDRA, 5 giugno (Reuters) - Euro poco mosso sul dollaro nei
primi scambi sulla piazza londinese, schiacciato poco sopra i
minimi da quattro mesi segnati in settimana, in attesa
dell'esito della riunione di politica monetaria della Banca
centrale europea.
    Secondo quanto lasciato intendere nelle ultime settimane da
diversi esponenti del consiglio di Francoforte, e dato dunque
per scontato dagli investitori, l'Eurotower dovrebbe varare un
pacchetto di misure espansive nel tentativo di contrastare la
bassa inflazione e far ripartire il credito.
    Secondo le attese degli economisti interpellati da un
sondaggio Reuters, la Bce dovrebbe tagliare il costo del denaro
al nuovo minimo storico dello 0,10% dall'attuale 0,25%, portando
in territorio negativo, a -0,10%, il tasso sui fondi overnight
che le banche depositano a fine giornata presso l'istituto
centrale. 
    Francoforte dovrebbe inoltre lanciare una nuova operazione
di rifinanziamento a lungo termine per il sistema bancario,
vincolata alla concessione di prestiti alle imprese, senza
avviare un programma massiccio di acquisto asset come quello
condotto da Banca del Giappone.
    Intorno alle 10,20 l'euro è in marginale rialzo a 1,3608
dollari (+0,08%), ma, in vista del possibile annuncio di nuove
misure espansive, si tiene vicino al minimo da quattro mesi
segnato martedì a 1,3585 dollari.
    La valuta unica ha lasciato sul terreno circa il 3% rispetto
al picco intorno a quota 1,40 dollari, dove si trovava prima che
il presidente della Bce Mario Draghi il mese scorso suggerisse
la possibilità di un intervento al consiglio di giugno,
contestualmente alla pubblicazione delle nuove stime
macroeconomiche trimestrali dello staff di Francoforte.
    "Probabilmente si vedranno cambi di direzione piuttosto ampi
dopo l'annuncio della Bce e durante la conferenza stampa",
prevede Callum Henderson, responsabile mondiale studi forex di  
  Standard Chartered.
    L'euro potrebbe muoversi al rialzo nei prossimi giorni a
meno che Francoforte sorprenda il mercato avviando un vasto
programma di quantitative easing, aggiunge lo strategist.
    "In termini di direzione il nostro scenario di base è che, a
meno di vedere un piano di quantitative easing, c'è il rischio
di un rimbalzo dell'euro".
     La Bce comunicherà la decisione sui tassi alle 13,45 e il
presidente Mario Draghi si presenterà in conferenza stampa alle
14,30.  
    "Dal momento che il mercato sta scontando nuove misure e ha
ampie aspettative rispetto all'azione della Bce, ne consegue che
ci sono rischi di una delusione nel breve termine", scrive in
una nota Marvin Barth, strategist di Barclays.
    "Comunque, siamo fiduciosi che la Bce intraprenderà le
misure necessarie per far salire l'inflazione dagli attuali
livelli di pericolo. Di conseguenza, riteniamo passeggera una
delusione post meeting che spinga l'euro verso l'alto", conclude
la nota.
       
                             ORE 10,20               CHIUSURA
 EURO/DOLLARO         1,3606/10                 1,3598 
 DOLLARO/YEN          102,50/53                 102,73  
 EURO/YEN          139,49/50                 139,70 
 EURO/STERLINA     0,8117/20                 0,8122   
 ORO SPOT         1.243,00/3,20          1.242,80/4,80  
    
    
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia