June 2, 2014 / 10:35 AM / 3 years ago

Alitalia, sindacati convocati in settimana, Cda venerdì - fonti

4 IN. DI LETTURA

ROMA, 2 giugno (Reuters) - Quando arriverà la lettera di Etihad Alitalia convocherà le organizzazioni dei lavoratori per affrontare il problema esuberi, che insieme alle problematiche sul debito e sugli aeroporti, sono alcuni dei problemi che si frappongono all'ingresso della compagnia emiratina nel capitale del vettore italiano.

Lo riferisce una fonte sindacale che ha chiesto di rimanere anonima.

"L'azienda ci ha detto che appena arriva la lettera di impegni di Etihad ci convoca per incominciare la trattativa sull'organizzazione del lavoro", ha detto oggi il sindacalista.

Ieri, le due compagnie aeree hanno diffuso un comunicato congiunto in cui si legge che "Etihad Airways ha confermato che invierà una lettera che preciserà le condizioni e i criteri per il proposto investimento nel capitale da parte della compagnia che, negli ultimi mesi, ha negoziato con Alitalia e i suoi stakeholder".

Il documento dovrebbe arrivare a breve e andare venerdì 6 all'attenzione del consiglio di amministrazione di Alitalia.

Le linee generali da cui prenderà spunto l'ultima fase della trattativa fra i vertici delle due società, sono quelle previste dal piano industriale proposto da Etihad.

La nuova Alitalia, immaginata dal piano messo a punto dall'Ad di Etihad James Hogan, prevede il ritorno all'utile nel 2017 per 108 milioni a fronte di ricavi pari a 3,66 miliardi e di un ebitda di 526 milioni.

Il progetto prevede la costituzione di due società: una, dove Etihad potrà salire fino al 49% e che riprenderà le attività in bonis; nella seconda rimarrebbero le attività problematiche. Questo è uno dei punti delicati della trattativa.

Il governo italiano, come ricorda la nota congiunta dei due vettori, "riconosce l'importanza strategica di questa operazione e guarda favorevolmente alla collaborazione fra Etihad Airways e Alitalia", ha però per bocca del ministro Maurizio Lupi sempre osteggiato l'idea della bad company.

Altra questione è la soluzione per il problema debito.

Nel corso delle utile settimane le banche, creditrici di Alitalia, hanno offerto la cancellazione di circa un terzo dei crediti verso il vettore e la trasformazione in convertendo dei restanti due terzi. In dettaglio il piano Etihad prevede invece la cancellazione del debito fino a 560 milioni circa e l'allungamento del debito senior per 140 milioni. Non è dato di sapere se si già stato trovato un accordo su questo punto o anche questo aspetto farà parte del rush finale.

Infine i sindacati. La nuova Alitalia dovrà essere più leggera: fra i 2.000 e i 3.000 dipendenti non decollerano con la nuova livrea Ethiad/Alitalia. Come detto la questione incomincerà ad essere affrontata nei prossimi giorni e c'è già una disponibilità a discutere, promessa da tutte le sigle confederali: Cgil, Cisl e Uil.

Un giornale oggi hanno scritto che per l'intesa potrebbero bastare solo 15 giorni, ma una fonte sindacale, diversa dalla prima, ha detto a Reuters che "probabilmente si arriverà fino a luglio avanzato".

Poi bisognerà aspettare eventuali interventi dell'Ue che potrebbe indagare l'attivismo europeo di Etihad per verificare che non si arrivi al controllo o ad una gestione operativa affidata a compagnie extra-Ue su vettori del mercato unico. Lo vieta la normativa comunitaria.

Lupi ha fatto sapere via Twitter che Alitalia/Etihad "è un'operazione industriale senza aiuti di Stato. Mercoledì a Bruxelles ribadirò che sono state rispettate tutte le regole", ha detto il ministro.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below