BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in leggero calo, tiene Hong Kong

venerdì 30 maggio 2014 08:49
 

INDICE                          ORE 8,30    VAR %   CHIUS. 2013
 MSCI ASIA-PAC.                      487,96   -0,24       468,16
 TOKYO                            14.632,38   -0,34    16.291,31
 HONG KONG                        23.064,76   +0,21    22.656,92
 SINGAPORE                         3.298,91   -0,09     3.167,43
 TAIWAN                            9.075,91   -0,36     8.611,51
 SEUL                              1.994,96   -0,86     2.011,34
 SHANGHAI COMP                     2.041,93   +0,04    2.115,978
 SYDNEY                             5.503,1   -0,30    5.352,214
 MUMBAI                           24.255,52   +0,08    21.170,68
    30 maggio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono
in leggero calo, esaurendo la serie di performance positive che
ha portato a maggio i listini ai massimi da diversi mesi. 
    Intorno alle 8,30 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, scende
dello 0,23%.
    Tiene HONG KONG, che si avvia a chiudere il miglior mese del
2014, sostenuta dall'edilizia e dalle banche cinesi, mentre il
resto dell'azionario appare piatto. Nel settore dello sviluppo
immobiliare si segnala Cheung Kong Holdings, che ha
toccato i massimi dal gennaio 2008 e Sun Hung Kai Properties
. Al rally del settore contribuiscono l'allentamento di
alcuni vincoli alle costruzioni a Hong Kong e l'indicazione che
i tassi di interesse potrebbero rimanere bassi più a lungo di
quanto atteso, dopo che i rendimenti dei bond Usa sono scesi ai
minimi da 11 mesi. Prada guadagna lo 0,69%.
    Prevale la cautela a SHANGHAI, piatta verso fine seduta. I
mercati aspettano il Pmi definitivo di maggio del settore
manifatturiero, atteso domenica, in probabile aumento marginale
a 50,6 punti dai 50,4 di aprile, secondo un sondaggio Reuters.
Ma sia Hong Kong che i mercati cinesi rimarranno chiusi lunedì
per il Dragon Boat Festival. 
    SINGAPORE scivola leggermente in territorio negativo, in una
seduta in cui prevalgono le prese di profitto. Il settore più
trattato è quello bancario, in particolare tre istituti: OCBC
, UOB e DBS.
    Più pesante il calo a SEUL, con vendite generalizzate su
tutto il listino. Gli investitori esteri si sono liberati di
azioni per 12,64 milioni di dollari, interrompendo una serie di
acquisti netti durata 13 giorni.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia