PUNTO 1-Pop Milano, Mincione diluisce quota con aumento capitale

lunedì 26 maggio 2014 19:06
 

(Aggiunge background)

MILANO, 26 maggio (Reuters) - Il fondo Athena Capital di Raffaele Mincione ha partecipato parzialmente all'aumento di capitale da 500 milioni di euro di Pop Milano, sottoscrivendo meno di un terzo della propria quota spettante, e annuncia di non volere investire ulteriormente nella banca in mancanza di un sostanziale cambiamento nella governance.

In un nota, il primo azionista della popolare milanese con il 7,019% pre-aumento spiega che nell'ambito dell'operazione di aumento di capitale appena concluso il numero delle azioni dell'istituto detenute è salito a 251,8 milioni da 226,7 milioni "confermando quindi la fiducia nelle potenzialità della banca".

La quota nel capitale della banca detenuta del fondo che fa capo a Mincione è dunque destinata a diluirsi al 5,7% circa.

L'aumento di capitale di Pop Milano si è chiuso venerdì scorso con sottoscrizioni pari al 99,48% delle nuove azioni offerte e da domani fino al 2 giugno, salvo chiusura anticipata, i diritti non esercitati saranno offerti in borsa.

Tuttavia tra i fattori che potrebbero ostacolare la crescita dell'istituto Athena Capital sottolinea "la mancata risoluzione da parte dell'attuale management delle note problematiche attinenti alla governance" e in particolare "i meccanismi di rappresentanza del capitale nella gestione che permettono a soggetti che hanno dismesso da tempo la propria partecipazione nella Banca di mantenere una rappresentanza negli organi di governo".

Il riferimento è ai rappresentati di Investindustrial di Andrea Bonomi ancora presenti nei board della banca anche dopo che il fondo ha dismesso l'intera partecipazione.

Pertanto, alla luce di questa situazione, prosegue Athena Capital "in mancanza di un cambiamento concreto e sostanziale in sede di governo societario" la società "non effettuerà ulteriori investimenti nella banca".

"Vista la situazione di stallo in cui si trova la riforma della governance della Banca, riteniamo inopportuno investire ulteriori risorse", ribadisce Massimo Catizone, Ceo di Athena Capital.   Continua...