RPT-Finmeccanica, India punta a recuperare 228 mln di fidejussioni

lunedì 26 maggio 2014 11:55
 

(Elimina pezzo originale inglese nel testo)

NEW DELHI, 26 maggio (Reuters) - L'India punta a recuperare le garanzie bancarie legate al vecchio e contestato contratto da 560 milioni di euro stretto con Finmeccanica per la fornitura di elicotteri.

Lo dice il ministero della difesa indiano dopo che venerdì il tribunale di Milano ha parzialmente accolto il reclamo presentato da New Delhi revocando l'ordinanza concessa dal giudice il 17 marzo sulla domanda di tutela d'urgenza presentata da AgustaWestland (controllata di Finmeccanica) relativamente alla escussione di fidejussioni per un importo complessivo massimo di 228 milioni di euro a fronte di 278 milioni di euro di garanzie esistenti.

Il ministero "sta studiando l'ordinanza e farà immediatamente i passi necessari per recuperare l'intero ammontare", dice una nota pubblicata ieri dalla Difesa indiana.

Venerdì in una nota AgustaWestland ha detto che "farà valere le proprie ragioni, anche al fine di recuperare i predetti importi, nell'ambito del processo di arbitrato già avviato".

L'India ha rotto il contratto con AgustaWstland lo scorso gennaio, quando era in carica il Congress Party, in seguito ad un'inchiesta per corruzione iniziata oltre un anno prima, che in Italia fino a ora ha dato vita a un processo che vede imputati gli ex AD di Finmeccanica e Agustawestland, Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini.

Le elezioni di aprile e maggio hanno portato alla schiacciante vittoria del partito nazionalista di Narendra Modi, che oggi dovrebbe essere nominato primo ministro.

I dettagli sulle prossime azioni del ministero della Difesa, riferisce un portavoce oggi, emergeranno solo dopo che il nuovo ministro sarà in carica. Il ministro uscente, A.K. Antony, era soprannominato "St. Antony" per il suo zelo contro la corruzione. La sua propensione a cancellare contratti e stilare blacklist di possibili fornitori ha rallentato il necessario aggiornamento dell'equipaggiamento delle forze armate.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia