Inchiesta Carige, truffa a Carige Vita Nuova con acquisti "gonfiati" -ordinanza

venerdì 23 maggio 2014 14:20
 

MILANO, 23 maggio (Reuters) - Nell'inchiesta della procura di Genova che ieri ha portato all'arresto di sette persone, tra cui l'ex-presidente di Carige Giovanni Berneschi per associazione a delinquere e truffa ai danni dell'istituto e di altre società collegate, gli inquirenti ipotizzano una truffa ai danni di Carige vita nuova tramite l'acquisto della società I.H.Roma, proprietaria di due alberghi.

E' quanto emerge dall'ordinanza di arresto firmata dal gip e visionata da Reuters.

Secondo gli inquirenti, "gli elementi di prova acquisiti sono allo stato gravemente indiziari" che Berneschi, nella sua qualità di presidente del cda di Carige vita nuova e Carige; Ferdinando Menconi, in quando AD di Carige vita nuova ed Ernesto Cavallini, rienuto "dominus delle società Ihc (cancellata dal registro delle Imprese nel giugno 2011) e IH Roma - tutti e tre ai domiciliari - "hanno indotto la Carige Vita Nuova ad acquistare la partecipazione totalitaria della I.H. Roma, proprietaria degli alberghi Hotel Mercure di Milano e Hotel Pisana di Roma, "ad un prezzo (pari ad oltre 70,5 milioni), risultato essere di circa il 50% superiore al reale valore della partecipazione".

La truffa si sarebbe realizzata con l'utilizzo di valutazioni gonfiate del valore dei due alberghi, trasferendo su conti esteri parte del prezzo, pari a circa 16,3 milioni di euro pagato alla Ihc, e utilizzando questa cifra per l'acquisto mediato dell'alberto Holiday Inn di Lugano.

Carige ha detto ieri di ritenersi parte lesa e si è riservata di intraprendere a tutela del gruppo le opportune iniziative.

Non è stato possibile avere un commento dai legali degli arrestati.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia