Borsa Milano rimbalza trainata da bancari, cautela in vista elezioni

venerdì 23 maggio 2014 12:15
 

MILANO, 23 maggio (Reuters) - Piazza Affari rimbalza dopo le perdite registrate ieri e a metà seduta guadagna oltre mezzo punto percetuale, meglio delle altre borse europee, che non vanno oltre la parità.

Gli investitori restano tuttavia cauti in attesa di conoscere l'esito delle elezioni presidenziali in Ucraina e, soprattutto, delle elezioni europee di domenica prossima. Un evento importante soprattutto per l'Italia, dove il voto potrebbe dare indicazioni sul gradimento del governo e sulla forza del Movimento 5 Stelle.

Intorno alle 12,05, l'indice FTSE Mib sale dello 0,7%, così come l'AllShare, mentre il benchmark europeo, l'indice FTSEurorfirst300, cede lo 0,02%.

Tonici i bancari dopo la seduta negativa di ieri. In una nota Morgan Stanley evidenzia l'impatto positivo che potrebbe avere un rafforzamento delle misure espansive da parte della Bce sugli istituti italiani. In evidenza POP EMILIA (+4%), seguita da MPS (+3%). POP MILANO, che oggi chiude l'aumento di capitale, sale del 2,3%.

CREVAL, prossimo all'avvio dell'aumento di capitale (il 26 maggio), azzera le perdite registrate nella prima parte della seduta e muove intorno alla parità.

In rialzo di oltre il 3% UNIPOLSAI, che rimbalza dopo le forti perdite di ieri sulla notizia delle indagini sulla fusione con Fonsai. UNIPOL, che ieri aveva registrato un ribasso ancora più consistente, guadagna il 2,8%. In una nota Equita spiega di ritenere "molto improbabile che l'indagine possa portare ad una revisione dei concambi" fissati per la fusione.

Poco mossa ENI, mentre ENEL passa in positivo.

Deboli Telecom Italia e MEDIASET, in fodo al listino principale.

CIR guadagna quasi il 5%. Il presidente di Unicredit Federico Ghizzoni ha detto che le trattative sul debito di Sorgenia procedono e le posizioni si stanno "affinando" per cui si potrebbe chiudere in tempi brevi.   Continua...