PUNTO 2-Governo vara 'Art bonus': detrazione 65% per i mecenati

giovedì 22 maggio 2014 17:20
 

(Aggiorna con nota Palazzo Chigi)

ROMA, 22 maggio (Reuters) - I privati che investono nel patrimonio storico o culturale potranno detrarre in tre anni il 65% dell'importo.

È la misura principale del decreto legge approvato oggi dal governo e definito su Twitter "mooolto interessante" dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

"La norma più importante è l'introduzione di un 'art bonus'. Oggi abbiamo una detrazione pressoché insignificante per il privato che decide un atto di liberalità e di mecenatismo. Ora il privato avrà un credito di imposta del 65% detraibile in tre anni", ha spiegato in conferenza stampa il promotore del decreto, il ministro dei Beni e le Attività culturali Dario Franceschini.

L'agevolazione è valida fino al 2016, anno nel quale l'aliquota scende al 50%.

Il credito è riconosciuto alle persone fisiche e agli enti senza scopo di lucro nei limiti del 15% del reddito imponibile, ai soggetti titolari di reddito d'impresa nei limiti del 5 per mille dei ricavi annui. Per questi ultimi, il credito è utilizzabile anche in compensazione e non rileva ai fini delle imposte su redditi e Irap.

"I riceventi la donazione dovranno pubblicare online la destinazione delle risorse", ha aggiunto Franceschini.

Novità sul tax credit per il cinema: il limite massimo per avere accesso alla detrazione sale da 5 a 10 milioni di euro. Lo stanziamento aumenta da 110 a 115 milioni.

Il decreto prevede anche un credito di imposta al 30% per la digitalizzazione delle imprese ricettive e per il restauro degli alberghi fino a tre stelle.   Continua...