Usa, indici piatti prevale cautela su timori legati alla crescita

lunedì 19 maggio 2014 17:15
 

NEW YORK, 19 maggio (Reuters) - L'azionario Usa è poco mosso nel pomerigio in una seduta dove prevale la cautela dopo alcuni dati economici contrastati.

Le azioni quotate negli Usa di AstraZeneca perdono il 9,2% a 72,60 dollari dopo che il gruppo farmaceutico inglese ha respinto l'offerta finale per la fusione con Pfizer che avrebbe creato il più grande gruppo farmaceutico al mondo. Pfizer sale dell'1,5% a 29,56 dollari.

AT&T cede l'1,7% a 36,12 dollari dopo che la società di tlc ha detto che rileverà Direct TV per 48,5 miliardi di dollari, mentre cerca nuove opportunità di crescita nel business dei cellulari. Direct Tv perde l'1,81% a 84,37 dollari.

L'azionario è sotto pressione, registrando diversi ribassi consecutivi settimanali per la prima volta da gennaio, con gli investitori che sono diventati più cauti sulle prospettive di crescita. La scorsa settimana le vendite al dettaglio e il sentimento dei consumatori sono stati inferiori alle attese, mentre i dati sul lavoro e sulle nuove costruzioni hanno fornito motivi di ottimismo.

"Abbiamo segnali economici molto contrastanti, un dato positivo è in contrastato con una negativo", dice un broker.

Intorno alle 17,10 il Dow Jones cede lo 0,01% a 16.489 punti, mentre il Nasdaq cresce dello 0,66% a 4.117 punti e lo S&P500 dello 0,17% a 1.881 punti.

Campebell Soup cede il 3,4% a 43,58 dollari, il titolo peggiore dell'indice S&P 500, a seguito di risultati inferiori alle attese sulle vendite trimestrali e dopo il taglio della guidance sulle vendite per l'anno.

  Continua...