PUNTO 1-Finmeccanica, a ex Pansa indennità 5,45 mln, nuove nomine

venerdì 16 maggio 2014 11:50
 

(Aggiunge dettagli su assemblea e cda di ieri da note)

ROMA, 16 maggio (Reuters) - Il consiglio di amministrazione di Finmeccanica ha dato via libera al pagamento di una "indennità compensativa e risarcitoria" di 5,45 milioni euro all'ex Ad Alessandro Pansa.

Lo dice oggi una nota della società, riferendo dei compensi che Pansa riceverà per la cessazione del rapporto di lavoro subordinato iniziato nel 2001.

Già una nota della società di ieri sera sulla riunione del nuovo cda, nel riferire della risoluzione del rapporto di lavoro con Pansa, diceva che a Mauro Moretti oltre alle deleghe da amministratore è stato affidato anche il ruolo di direttore generale (che era in capo a Pansa).

Il cda "ha verificato la sussistenza dei presupposti per l'attribuzione a Pansa di un'indennità compensativa e risarcitoria pari a euro 5.450.000, oltre alle competenze di fine rapporto e di quanto spettante in relazione ai diritti maturati nell'ambito della partecipazione ai piani di incentivazione a breve e medio-lungo termine nel corso del 2013 da erogare per cassa", si legge nel comunicato.

Pansa prenderà inoltre 80.000 euro "a fronte di rinunce specifiche nell'ambito della risoluzione del rapporto".

Sempre nel comunicato di ieri sera si dava notizia della nomina dei nuovi comitati e organi di vigilanza che risultano presieduti da: Paolo Cantarella il comitato Controllo e rischi, Dario Frigerio il comitato per la Remunerazione, Marta Dassù il comitato per le Nomine; Enrico Laghi inoltre resta presidente del confermato organismo di Vigilanza.

La nota sull'assemblea, uscita anch'essa ieri in tarda serata, riferisce inoltre un dato sulla partecipazione dei fondi: "L'assemblea ha registrato una consistente partecipazione degli azionisti istituzionali - in larga maggioranza esteri - presenti con il 27,55% del capitale sociale, in crescita rispetto alla partecipazione del 19,6% del capitale sociale registrata all'assemblea sul bilancio 2012".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia