PUNTO 2-Saras, aumenta perdita netta adjusted trim1 a 40,4 mln, Ue intervenga

mercoledì 14 maggio 2014 16:50
 

(aggiunge dichiarazioni manager da conference call)

MILANO, 14 maggio (Reuters) - Saras chiude il primo trimestre con una perdita netta adjusted (senza le componenti straordinarie) di 40,4 milioni di euro, in peggioramento rispetto al rosso di 10,7 milioni di un anno prima, su ricavi pari a 2.758 milioni in crescita del 3%, grazie alla crescita del segmento raffinazione, nonostante il calo dei prodotti petroliferi, secondo un comunicato.

I risultati sono al di sotto del consensus fornito dall'azienda di un rosso di 28 milioni. Poco prima delle 17 il titolo cede il 2,6% in borsa a 1,21 euro.

L'Ebitda del gruppo, controllato al 21% da Rosneft, è negativo per 17 milioni, in calo rispetto ai 54,4 milioni registrati nel primo trimestre 2013. La differenza è ascrivibile, dice la società, quasi interamente al segmento raffinazione che ha fronteggiato un contesto di mercato molto depresso.

La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2014 è risultata pari a -55 milioni, in aumento rispetto alla posizione di inizio anno (-8 milioni).

Il presidente Gian Marco Moratti, nel commentare i risultati, rileva che "la raffinazione in Europa incontra difficoltà crescenti legate all'intensificarsi della competizione internazionale, all'eccesso di capacità produttiva, ed alla debolezza dei consumi". Il manager auspica che "le Autorità comunitarie prendano finalmente piena coscienza dell'erosione di competitività di un settore assolutamente strategico, riequilibrando l'attuale situazione distonica".

Nel corso della call con gli analisti Dario Scaffardi, executive vice president and general manager, ha definito i riusultati di Saras "molto deludenti in un contesto sfidante per la raffinazione". Qualche sviluppo positivo sta arrivando dalla Libia, dove i porti più a est hanno ripreso le operazioni e il gruppo Saras è fra i primi operatori che caricano i cargo di greggio dal terminale petrolifero Zueitina.

(Giancarlo Navach)

  Continua...