Veneto Banca, aumento a 36 euro/azione,autonoma se piano rafforzamento funziona

martedì 13 maggio 2014 19:02
 

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Se il piano di rafforzamento patrimoniale di Veneto Banca avrà successo l'istituto resterà autonomo, altrimenti l'esito dell'asset quality review potrebbe aprire la strada a ipotesi di aggregazione.

E' quanto spiega il presidente della banca Francesco Favotto in una nota, diffusa al termine del Cda di oggi.

"In risposta alle richieste della Banca d'Italia era stato dato mandato a Goldman Sachs di valutare i possibili scenari di aggregazione con altri istituti di elevato standing, sia su base nazionale, sia in una prospettiva europea", spiega Favotto.

"La considerazione più significativa emersa è che i risultati dell'Asset quality review diventano lo spartiacque per la definizione di ogni ipotesi plausibile. Il nostro piano di rafforzamento patrimoniale sta procedendo a ritmi serrati. Se saremo capaci, come sono assolutamente certo, di attuare con successo ogni singolo step, tutti gli scenari tracciati avranno valore di mera ipotesi teorica e Veneto Banca potrà continuare il suo percorso in piena consapevole e responsabile autonomia", aggiunge il presidente.

Il Cda ha inoltre approvato la bozza del prospetto informativo dell'aumento di capitale da circa 490 milioni di euro.

Saranno emesse fino a 15 milioni di azioni a un prezzo di offerta di 36 euro ciascuna, con uno sconto dell'8,86% rispetto al prezzo di 39,50 euro approvato dall'assemblea il 26 aprile scorso.

All'interno dell'aumento, saranno attribuite gratuitamente ai soci azioni in ragione di 3 azioni ogni 20 sottoscritte, qualora i sottoscrittori mantengano le azioni per 36 mesi e qualora durante il periodo di offerta non abbiano ceduto azioni.

Oggi infine la banca ha collocato un bond da 500 milioni di euro di durata quinquennale. "La domanda è stata più di quattro volte superiore alla richiesta iniziale, che era di 300 milioni di euro, raccogliendo ordini per oltre 1,250 miliardi di euro", spiega una seconda nota.

  Continua...