13 maggio 2014 / 10:29 / tra 3 anni

PUNTO 2-Campari, utile lordo trim1 cala 47,3%, pesa forex, titolo cala

* Contrazione organica vendite del 3%, effetto cambi del 6,7%

* Su 4 mesi vendite organiche cresciute ‘low to mid single digit’

* Conferma guidance Ebit margin piatto su 2013 (Aggiunge dettagli da conference call)

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Campari chiude i primi tre mesi dell‘esercizio, un trimestre stagionalmente poco importante, con un utile lordo in contrazione del 47,4% a 20,7 milioni di euro, un risultato inferiore al consensus degli analisti che risente di un effetto cambio sfavorevole.

Anche i ricavi, in flessione nel periodo dell‘8,4% a 288,7 milioni, risultano più bassi delle attese, assottigliati dal deprezzamento delle diverse valute di riferimento del gruppo per il 6,7%. La performance organica delle vendite è stata negativa del 3%.

“In particolare, la fine del trimestre è stata condizionata dal rallentamento delle vendite in Russia.. da uno slittamento di ordini negli Stati Uniti nonché dalla Pasqua ritardata e, di conseguenza, lo slittamento di alcuni ordini nel secondo trimestre dell‘anno nei principali mercati europei”, ha spiegato un comunicato stampa.

Grazie alla normalizzazione per l‘inclusione dell‘effetto della Pasqua ritardata, al rallentamento degli ordini a marzo ha fatto seguito una ripresa delle vendite nette ad aprile che l‘AD Bob Kunze-Concewitz ha quantificato in una crescita organica “low to mid single digit”, ovvero di una cifra singola compresa fra l‘1% e il 5%.

“Quindi siamo in linea con i nostri piani interni”, ha aggiunto Kunze-Concewitz.

In particolare, il direttore finanziario Paolo Marchesini ha confermato la guidance di un Ebit margin (come percentuale delle vendite nette) piatto nel 2014 a livello organico.

L‘indicazione sull‘Ebit margin era stata accolta negativamente dal mercato dopo l‘annuncio dei risultati del 2013.

Oggi il titolo, già negativo in borsa prima della diffusione dei risultati, ha ampliato progressivamente le perdite arrivando a cedere oltre il 5%. Intorno alle 14,30, ha ridotto il calo ad un ribasso del 3,15% a 6,01 euro in un mercato che cede l‘1% circa.

Per un analista, che ha chiesto di non essere citato, i risultati sono negativi, in particolare a livello di andamento organico delle vendite.

VENDITE CONFERMANO RIPRESA IN ITALIA

L‘Italia, mercato che rappresenta poco più del 27% delle vendite del gruppo (in aumento rispetto al circa 24% dei primi tre mesi del 2013), ha confermato la ripresa avviata nella seconda metà del 2013 con vendite in crescita del 4,9% nonostante la Pasqua “alta” grazie all‘andamento di Campari (+7%) e della crescita a doppia cifra di Crodino (+25,8%) e Campari Soda (+14,4%).

“Abbiamo speso molti sforzi nel rafforzare il piano del marketing”, ha detto l‘AD, riferendosi a questi ultimi. Il lancio di “Crodino Twist”, inoltre, è stato accolto “molto favorevolmente” dal mercato.

Più in generale sul fronte della fiducia dei consumatori “ci sentiamo meglio rispetto all‘Italia”, ha aggiunto il manager, menzionando il cambio sulla scena politica come uno dei fattori che hanno iniettato fiducia. “Ciò detto la situazione resta precaria”.

Il primo trimestre è stato al contrario caratterizzato da una flessione pronunciata per il primo mercato del gruppo, l‘area delle Americhe (-16,5%), colpita per l‘11,4% dall‘effetto cambi. Pressochè piatte le vendite complessive in Europa dove la Russia (2,5% del fatturato) ha visto una contrazione del 24%. L‘area “Resto del Mondo” infine, che comprende Australia, Asia-Pacifico e Africa, ha registrato una discesa del 19,3%.

A livello di singoli marchi risultano in crescita nel periodo solo Campari (+8%, pari al 10% delle vendite totali) e Aperol (+10,5%, pari al 9% del fatturato complessivo). Il primo marchio del gruppo, Skyy Vodka (11% includendo Skyy infusions) soffre di una contrazione di quasi il 9% dovuto ad un problema relativo alle consegne negli Stati Uniti.

Se si guarda al futuro, pur in un contesto politico e macroeconomico difficile segnato dal peggioramento dei tassi di cambio, “riteniamo che le iniziative di marketing intraprese dal gruppo a beneficio dei brand possano continuare a portare i loro frutti rafforzando ulteriormente il business sottostante”, ha concluso l‘AD.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below