Icbpi, effetto fiscale pesa su utile netto 2013, riconfermati presidente e AD

venerdì 9 maggio 2014 15:01
 

MILANO, 9 maggio (Reuters) - L'Istituto centrale delle banche popolari (Icbpi) ha realizzato nel 2013 un utile netto di 73,1 milioni, in calo del 19,6% per l'effetto fiscale una tantum dell'addizionale Ires.

Il bilancio, approvato dall'assemblea dei soci, vede le commissioni e i ricavi per servizi in lieve crescita rispetto al 2012 a 574,9 milioni (+0,9%), mentre la redditività operativa è scesa del 2,3% a 168,4 milioni a causa del minor rendimento del portafoglio titoli.

Sul fronte patrimoniale l'istituto, che offre servizi nel campo delle monetica, pagamenti, e attività di custodia, ha un total capital ratio del 19,3%.

L'assemblea ha inoltre rinnovato le cariche sociali confermando per il prossimo triennio il presidente Giovanni De Censi e l'AD Giuseppe Capponcelli.

Nel Cda sono entrati inoltre Piero Giarda, presidente del Cds di Pop Milano <PMII,MI> e Cesare Castelbarco, presidente di Carige

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia