BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in lieve calo, occhi su bassa inflazione Cina

venerdì 9 maggio 2014 09:00
 

INDICE                        ORE  8,40    VAR %    CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                     474,97       -0,11    468,16
 TOKYO                         14.457,51    -0,19    16.291,31
 HONG KONG                     21.980,29    -1,26    22.656,92
 SINGAPORE                     3.248,76     -0,12    3.167,43
 TAIWAN                        8.870,43     0,04     8.611,51
 SEUL                          1.959,44     -0,12    2.011,34
 SHANGHAI COMP                 2.026,92     0,03     2.115,98
 SYDNEY                        5.462,20     0,08     5.352,21
 MUMBAI                        22.527,27    0,55     21.170,68
 
  TOKYO, 9 maggio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono in calo per
la cautela che prevale tra gli investitori preoccupati per la crisi ucraina
mentre tra gli investitori non ha avuto particolare effetto il dato sulla debole
inflazione cinese nonostante le implicazioni per un indebolimento della domanda
nella regione.
    L'indice Msci dell'area Asia-Pacifico, che non comprende
Tokyo, segna un frazionale ribasso di -0,1% preparandosi a una leggera perdita
nel bilancio della settimana, ma sotto i minimi di seduta dopo che i dati
sull'inflazione cinese in aprile sono stati ampiamente nelle attese degli
analisti e pari al +1,8%.
    SHANGHAI in calo dello 0,2% e HONG KONG piatta segnalano il
perdurare dei timori degli investitori sul rallentamento della Cina. In
particolare il dato sulla debole inflazione cinese, +1,8% in aprile, ha
implicato una tiepida domanda nell'area pesando sui titoli della regione.
    Su Hong Kong ha pesato la volatitità dei telefonici e le vendite nella Great
Wall Motor.
    TAIWAN è finita in calo dello 0,5%, con i titoli dei personal
computer Acer partiti in rialzo anche sopra il 2% dopo utili trimestrali sopra
le attese, ma poi finiti in calo dell'1%. 
    SEUL ha chiuso in marginale progresso dello 0,3%, ma sotto i massimi
della seduta dopo il warning del ministro delle finanze sull'eccessivo
apprezzamento della valuta. 
    Piatta SINGAPORE dove le azioni della Wilmar International
, produttore di olio di palma, è finita in calo di oltre il 6% al
minimo da tre mesi dopo aver riportato deboli profitti.
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia