Pop Milano, aumento capitale costa 26 mln di spese e fee consorzio

venerdì 2 maggio 2014 15:16
 

MILANO, 2 maggio (Reuters) - L'aumento di capitale da 500 milioni di euro di Pop Milano che partirà lunedì ha un costo complessivo di 26 milioni di euro tra spese e commissioni riconosciute al consorzio di garanzia.

E' quanto si legge nel supplemento al prospetto relativo all'aumento approvato dalla Consob dopo il via libera da parte del Cdg della banca alle condizioni definitive dell'offerta in opzione.

"L'ammontare complessivo delle spese, inclusivo delle commissioni massime riconosciute ai membri del consorzio di garanzia, è stimato in circa 26 milioni", si legge nel documento.

Pertanto, "i proventi netti derivanti dall'aumento di capitale in opzione, in caso di integrale sottoscrizione dello stesso, sono stimati in circa 473,7 milioni di euro", prosegue.

Il consorzio di garanzia è costituito da Barclays Bank, Deutsche Bank, J.P. Morgan Securities e Mediobanca, in qualità di Joint Global Coordinator e Joint Bookrunner e Citigroup come Joint Bookrunner. Banca Akros agirà come Joint Global Coordinator.

Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni è di 0,43 euro per ciascuna nel rapporto di 9 azioni di nuova emissione ogni 25 possedute.

I diritti di opzione sono esercitabili dal 5 al 23 maggio, e negoziabili fino al 16 maggio.

Relativamente all'effetto diluitivo derivante dall'operazione, il prospetto spiega che "gli azionisti che decidessero di non sottoscrivere la quota loro spettante, nel caso di mancato integrale esercizio dei diritti di opzione loro spettanti e di integrale sottoscrizione dell'aumento di capitale in opzione, subirebbero una riduzione massima della loro partecipazione, in termini percentuali sul capitale, pari al 26,46%".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia