BORSE ASIA-PACIFICO- Mercati positivi prima di dati Usa su lavoro

venerdì 2 maggio 2014 09:13
 

ROMA - 
 INDICE                        ORE  9,05    VAR %    CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                     475,64       0,43     468,16
 TOKYO                         14.457,51    -0,19    16.291,31
 HONG KONG                     22.260,07    0,57     22.656,92
 SINGAPORE                     3.253,71     -0,34    3.167,43
 TAIWAN                        8.867,32     0,86     8.611,51
 SEUL                          1.959,44     -0,12    2.011,34
 SHANGHAI COMP                 CHIUSA       -        2.115,98
 SYDNEY                        5.458,10     0,17     5.352,21
 MUMBAI                        22.455,02    0,17     21.170,68
 
    Borse asiatiche in gran parte in rialzo oggi, soprattutto sull'attesa di un
risultato positivo del dato sui nuovi posti di lavoro non agricoli creati ad
aprile negli Usa, anche se gli investitori guardano preoccupati alla situazione
in Ucraina.
    Intorno alle 9,05 l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico, che
non comprende Tokyo, segnava +0,43%, a 475,64 punti.
    La borsa giapponese - che sarà chiusa lunedì e martedì prossimi - ha
terminato la seduta in calo, anche per il profit warning sui ricavi di Sony.
Oggi sono invece chiusi i mercati cinesi continentali.
    Le forze ucraine hanno lanciato una "operazione su larga scala" per
riprendere Slaviansk, nell'est del Paese, hanno annunciato oggi i separatisti
filo-russi che controllano la cittadina.
    I mercati asiatici hanno reagito in modo limitato alla notizia, che però
potrebbe avere un impatto ben maggiore in giornata sulle borse europee.
    " I mercati sono preoccupati di quel che sta accadendo in Ucraina. Ma al
momento pochi pensano che ci sarà uno scontro geopolitico significativo. Poiché
sia la Russia che gli Usa non vogliono apparire deboli lo scontro probabilmente
continuerà, ma piuttosto sotto la forma di guerra psicologica", commenta Kyoya
Okazawa, capo del settore global equities and commodity derivatives per BNP
Paribas a Tokyo.
    Sul fronte macroeconomico, l'attenzione è concentrata sul numero dei nuovi
posti di lavoro in Usa ad aprile che, secondo un sondaggio Reuters, indica la
più forte accelerazione di creazione di posti degli ultimi cinque mesi.
    I dati Usa giunti questa settimana sono stati contrastanti, con il Pil del
primo trimestre e i numeri sull'edilizia sotto le attese mentre i consumi hanno
registrato l'incremento maggiore in oltre quattro anni e mezzo a marzo e ad
aprile l'attività industriale è aumentata.
    HONG KONG è in rialzo, grazie soprattutto agli annunciati progetti per
l'aumento degli investimenti nelle ferrovie, ma anche al ritorno della fiducia
per il settore tech a Wall Street, sebbene si siano registrati andamenti
negativi per i titoli telecom in seguito alla nuova politica fiscale cinese.
    Prada quasi piatta a +0,08%.
    TAIWAN chiude con il risultato odierno migliore della regione, e con il più
forte aumento percentuale da un mese a questa parte (+0,86%). A pesare in
positivo sono stati i risultati delle aziende maggiori del settore tech e i
recenti giudizi incoraggianti della Federal Reserve sull'andamento dell'economia
statunitense.
    SYDNEY registra la sesta settimana consecutiva di guadagni, anche grazie ai
risultati degli istituti finanziari e del balzo (+6,5%) del titolo Treasury Wine
, dopo le notizie sull'interesse della francese Pernod Ricard 
per i suoi assett negli Usa.
    Negativa invece SEOUL, per la settimana seduta consecutiva, a causa delle
vendite da parte degli investitori stranieri. Si rafforza invece il won, la
moneta locale, che in una settimana ha guadagnato l'1,1% dopo due settimane
negative.
    Negativa anche SINGAPORE, che ha risentito dei dati poco incoraggianti sulla
manifattura cinese, mentre MUMBAI ha recuperato dal minimo di due settimane e
mezzo registrato mercoledì, grazie al settore finanziario e ai titoli tech.
    
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia