Generali,su cessioni meglio trattare per evitare svalutazioni-Del Vecchio

martedì 29 aprile 2014 14:13
 

MILANO, 29 aprile (Reuters) - Leonardo Del Vecchio, azionista di Generali con il 3%, apprezza la nuova gestione della compagnia triestina e, per quanto riguarda il processo di dismissioni in corso, sottolinea l'importanza di trattare, anche a costo di allungare i tempi, per non creare svalutazioni.

"Bisogna aspettare, perché quando sei più o meno obbligato a vendere cambia il prezzo, per evitare di fare delle grosse svalutazioni bisogna cercare di trattare, anche magari prolungando nel tempo ma trattare per raggiungere dei risultati abbastanza vicini al valore di libro", ha detto Del Vecchio a margine dell'assemblea di Luxottica, di cui è presidente, interpellato sul piano di dismissioni della compagnia assicurativa.

A gennaio 2013 Generali ha annunciato un processo di dismissioni, in buona parte attualmente già realizzato, da cui il gruppo si aspetta un beneficio patrimoniale intorno ai 4 miliardi nel 2015.

Per quanto riguarda la gestione di Generali, "sono convinto che sia una governance che va bene, finora sta dando risultati buoni, anche in prospettiva", ha dichiarato Del Vecchio. "Quindi credo che oggi la nuova Generali possa tener fede alle promesse che nel primo anno ha fatto al mercato".

Sulla quota detenuta dall'imprenditore in Generali, "sono investitore da tanti anni e non ho motivi per cambiare", ha sottolineato.

(Sabina Suzzi)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia