Borsa Milano chiude in lieve rialzo, bancari positivi, debole Eni

lunedì 28 aprile 2014 18:01
 

MILANO, 28 aprile (Reuters) - Piazza Affari ha chiuso in lieve rialzo, in un contesto europeo galvanizzato da una serie di operazioni di M&A e dai buoni risultati di Bayer, ma che risente delle tensioni sul fronte ucraino.

Un operatore sottolinea inoltre che il mercato attende una serie di dati macro, in primis quelli sull'inflazione, per cercare di capire quali potrebbero essere le prossime mosse della Bce.

L'indice FTSE Mib ha chiuso in rialzo dello 0,34%, l'Allshare dello 0,28%. Scambi per un controvalore di 2,3 miliardi di euro circa. L'europeo FTSEurofirst 300 ha chiuso a +0,23%.

Bene MEDIASET (+1,43%) dopo aver confermato l'interesse di "diversi operatori internazionali per eventuali partnership con le attività di tv a pagamento" del gruppo, di cui ha parlato la stampa nei giorni scorsi.

Finanziari positivi dopo il calo di venerdì. UNICREDIT e INTESA SANPAOLO hanno registrato un rialzo dello 0,31% e dello 0,5% rispettivamente, meglio del comparto europeo (-0,17%). In evidenza UBI BANCA con un rialzo di quasi il 2%, mentre BANCO POPOLARE in controtendenza cede lo 0,61%.

BUZZI UNICEM ha guadagnato il 2,12%, recuperando il calo segnato venerdì. Debole invece ITALCEMENTI.

CNH INDUSTRIAL ha perso l'1,42% dopo i recenti rialzi legati all'outlook fornito la scorsa settimana da Caterpillar. Venerdì il gruppo ha diffuso i dati legati alla transizione ai principi contabili statunitensi.

ENI ha ceduto lo 0,54%, peggio del settore europeo . Il Financial Times di domenica ha scritto che il giacimento di Kashagan non sarà produttivo prima del 2016. Il consorzio ha poi spiegato che la produzione non dovrebbe ripartire nel 2014.   Continua...