Borsa Milano conferma cali su pressioni mercati per Ucraina, bene Mediaset

venerdì 25 aprile 2014 12:43
 

MILANO, 25 aprile (Reuters) - In una seduta semifestiva, dagli scambi sottili, Piazza Affari conferma le perdite dell'avvio, insieme alle altre piazze continentali, sull'escalation delle tensioni in Ucraina.

Secondo alcune fonti, il presidente americano, Barack Obama, dovrebbe rivolgersi nel corso della giornata ai leader europei per sollecitare l'Ue a imporre nuove sanzioni contro la Russia nell'ambito della crisi ucraina.

"Tutto il mercato è sotto pressione per l'Ucraina con i timori di un attacco della Russia che aumentano", commenta un trader che cita anche i downgrade sulla Russia da parte delle agenzie di rating.

In questo contesto è scarsa la reazione della borsa milanese della decisione annunciata questa mattina dall'agenzia Fitch di rivedere al rialzo l'outlook sul rating sovrano dell'Italia a 'stabile' da 'negativo' confermando il merito di credito al livello BBB+.

Una mossa attesa, anche se positiva, e che comunque arriva dopo l'ampio rally già realizzato dal mercato italiano proprio su un miglioramento delle prospettive sull'Italia, secondo gli analisti.

Attorno alle 12,30 l'indice FTSEMib cede lo 0,68% e l'Allshare lo 0,62%

L'indice europeo FTSEurofirst 300 arretra dello 0,3% con l'indice Dax della borsa tedesca, la più penalizzata dalle tensioni in Ucraina, in calo dello 0,7% circa.

A Milano i volumi sono sotto gli 800 milioni di euro.

Debole l'andamento del futures sul FTSE Mib che viaggia intorno a 21.390 punti e anche i derivati sugli indici azionari americani puntano ad un avvio di Wall Street in calo.   Continua...