Grecia, ancora bisogno di aiuti Ue per essere finanziata- Commissione

venerdì 25 aprile 2014 12:30
 

ATENE, 25 aprile (Reuters) - La situazione del debito greco è leggermente peggiorata e Atene è ancora costretta a fare affidamento sui creditori internazionali per essere finanziata.

E' quanto scrive la Commissione europea in un report spiegando che Atene deve far fronte a un buco di bilancio di 5,5 miliardi di euro fino alla fine di maggio del 2015.

Nel report si prevede che il debito greco si attesti a circa il 125% del Pil nel 2020 e a circa il 112% del Pil nel 2022.

Nella sue precedenti analisi, i creditori di Atene avevano visto il debito al 124% del Pil nel 2020 e "sostanzialmente al di sotto" del 110% nel 2022.

Secondo la Commissione il peggioramento è dovuto a diversi fattori tra cui una previsione più bassa per il Pil nominale e minori ricavi dalle privatizzazioni.

In particolare, le proiezioni sui ricavi delle privatizzazioni fino alla fine del 2020 sono state ridotte di 1,9 miliardi di euroa 22,3 miliardi, secondo il report.

Il governo greco sostiene di non aver bisogno di un terzo piano di salvataggio, dopo i primi due accordati al Paese dal 2010. Ue e Fondo monetario internazionale hanno dato ad Atene oltre 215 miliardi di euro dall'avvio del bailout.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia