Zona euro, eccesso liquidità sotto 100 mld per la prima volta da 2011

giovedì 24 aprile 2014 12:11
 

FRANCOFORTE, 24 aprile (Reuters) - La liquidità in eccesso nel sistema bancario della zona euro è scesa sotto la soglia di 100 miliardi per la prima volta dalla fine del 2011, quando la Bce attuò la prima operazione di finanziamento a lungo termine (Ltro).

L'eccesso di liquidità, ovvero la liquidità che le banche detengono in eccesso rispetto alle esigenze giornaliere, è sceso oggi a quota 92,937 miliardi di euro, per effetto della prosecuzione dei rimborsi anticipati dei finanziamenti Ltro.

Gli economisti si attendono che i tassi overnight muovano al rialzo quando l'eccesso di liquidità scenderà sotto un certo livello, indicato tra gli 80 e 100 miliardi di euro.

E' importante monitorare tale evoluzione perché un "ingiustificato" restringimento delle condizioni di finanziamento sul mercato monetario è uno degli scenari che potrebbero indurre la Bce a intraprendere nuove misure.

D'altra parte, Draghi ha avvertito che è molto complesso tracciare qualsiasi conclusione sull'esistenza di una relazione stabile tra l'eccesso di liquidità e i tassi di finanziamento a breve termine.

Al momento, dal mercato non sembrano arrivare segnali che potrebbero indurre la Bce ad agire.

Il capo economista di G+ Economics Lena Komileva sottolinea come i tassi forward Eonia a un anno - lo strumento più scambiato sul mercato monetario, che mostra dove ci si aspetti siano i contratti a un anno fra un anno, sono stabili all'interno di range crecenti, a 0,2360%, livello lontano dall'essere un innesco di ulteriori mosse espansive.

"La stabilità dei tassi monetari suggerisce che il deleveraging delle banche sta funzionando, cosa che le rende meno dipendenti dai fondi Bce", sottolinea Komileva.

  Continua...