Lavoro, decreto oggi in aula Camera con dissenso Ncd. Verso fiducia

martedì 22 aprile 2014 11:52
 

ROMA, 22 aprile (Reuters) - Il decreto sul mercato del lavoro, che modifica le norme sui contratti a termine e l'apprendistato, approda nel pomeriggio di oggi nell'aula della Camera per un iter di approvazione che si annuncia accidentato, vista la contrarietà dell'Ncd e il governo pronto a chiedere la fiducia.

All'origine del dissenso del partito di Angelino Alfano, principale alleato del governo del premier Pd Matteo Renzi, le modifiche apportate al testo in commissione Lavoro lo scorso venerdì che irrigidirebbero i vincoli a carico delle imprese a scapito della flessibilità di uscita che era alla base del decreto varato da Palazzo Chigi, e sostenuto dagli ex Pdl.

L'ex presidente della Regione Lombardia Pdl, oggi senatore Ncd, Roberto Formigoni, ha scritto stamani in un tweet: "Repetita juvant: il provvedimento sul lavoro presentato alla Camera con gli emendamenti del Pd è invotabile, la fiducia Ncd non la vota!".

Le modifiche più contestate del nuovo testo sono la riduzione delle proroghe consentite per i contratti a tempo in 36 mesi, che passano da 8 a 5, e l'obbligo per le imprese con oltre 30 dipendenti di assumere il 20% degli apprendisti.

Gli altri emendamenti riguardano la conferma e l'ampliamento del diritto di precedenza per i lavoratori e lavoratrici in maternità con contratto a termine nelle future assunzioni a tempo indeterminato con la stessa mansione.

Per quanto riguarda l'apprendistato, viene ripristinata una quota di formazione pubblica, la redazione scritta del piano relativo alla formazione 'on the job' da inserire nel contratto di assunzione.

Per superare il rischio di impasse, considerando che si tratta della prima lettura del decreto che deve passare anche al Senato e convertito entro il 19 maggio, il governo si prepara a chiedere il voto di fiducia.

Le elezioni europee sono alle porte e i riposizionamenti per rassicurare i diversi elettorali sono comprensibili.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia