PUNTO 2-Alitalia, Etihad più rigida ma governo fiducioso su soluzione

giovedì 17 aprile 2014 17:55
 

* Lupi: ieri sera lettera arabi con condizioni ad Alitalia

* Piano Etihad non penalizza Malpensa, né sistema aeroporti (Aggiorna con dichiarazioni Lupi)

di Valentina Consiglio

ROMA, 17 aprile (Reuters) - Nella trattativa per un ingresso in Alitalia, il vettore arabo Etihad sta ponendo con maggior risolutezza una serie di condizioni sul pregresso fiscale, legale e finanziario della compagnia italiana, ma il governo è fiducioso che il deal sarà portato a termine.

"C'è stato un irrigidimento da parte degli arabi, alcuni problemi vengono ora rappresentati con più decisione di prima", afferma stamani una fonte vicina al dossier.

"I problemi riguardano in particolare il passato della compagnia italiana, ossia chi si accolla i pregressi fiscali, legali e finanziari", dice la stessa fonte, spiegando che i nuovi soci "non vogliono farsi carico del passato".

Nel pomeriggio, il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, ha confermato in Parlamento che ieri sera Etihad ha inviato ad Alitalia una lettera con la quale pone delle condizioni, e tocca adesso agli azionisti rispondere alla missiva.

"Ci risulta che ieri sera sia arrivata una lettera da parte di Etihad che pone alcune condizioni a cui i privati devono naturalmente rispondere", ha detto Lupi durante un question time in Senato, ricordando che la scorsa settimana l'Ad della compagnia di Abu Dhabi, James Hogan, ha illustrato al governo le linee generali di un piano "che non prevede la penalizzazione né di Malpensa né del sistema aeroportuale".

Il ministro ha comunque ribadito che il governo vede come "positivo" un eventuale accordo tra i due vettori che consentirebbe ad Alitalia di tornare a essere un operatore internazionale.   Continua...