Inchiesta Saipem, Tribunale dichiara illegittimo licenziamento ex manager Varone

mercoledì 16 aprile 2014 15:25
 

* Saipem condannata a pagare indennità per quasi 1,2 mln euro

* Fra tesi società anche che Varone avesse operato per suo interesse

* Saipem: per giudice licenziamento comunicato a indirizzo errato

* Saipem: Varone aveva chiesto circa 8 milioni euro

* Società fara ricorso in appello

di Emilio Parodi

MILANO, 16 aprile (Reuters) - Il Tribunale del Lavoro di Milano ha dichiarato illegittimo il licenziamento dell'ex direttore operativo di Saipem Pietro Varone, fra gli indagati dell'inchiesta condotta dalla procura di Milano su presunte tangenti pagate da Saipem per ottenere contratti in Algeria, ha condannato la società a corrispondere all'ex manager, fra indennità e Tfr, quasi un milione e 200.000 euro e ha respinto la richiesta di risarcimento danni avanzata dall'azienda nei confronti dell'ex dipendente.

Lo si evince dal dispositivo della sentenza emessa dal giudice Tullio Perillo nell'udienza dell'11 aprile scorso.

Una portavoce di Saipem, contattata da Reuters, ha dichiarato che Varone aveva "proposto domande nei confronti di Saipem per circa 8 milioni di euro. Il giudice del lavoro ha accolto solo una parte delle domande ... in quanto secondo il giudice il licenziamento disciplinare sarebbe stato recapitato a un domicilio diverso da quello indicato da Varone alla società".   Continua...