BORSE EUROPA - Indici rimbalzano su dati Pil cinese, bene Tesco

mercoledì 16 aprile 2014 10:52
 

INDICI                       ORE 10,45   VAR %   CHIUS. 2013
 EUROSTOXX50                  3.122,19    1,0     3.109,00
 FTSEUROFIRST300              1.316,85    0,77    1.316,39
 STOXX BANCHE                 195,96      0,86    194,21
 STOXX OIL&GAS                342,62      0,77    335,00
 STOXX ASSICURAZIONI          220,63      0,97    228,22
 STOXX AUTO                   506,72      1,65    481,95
 STOXX TLC                    285,13      0,86    297,60
 STOXX TECH                   275,37      0,3     290,51
    LONDRA, 16 aprile (Reuters) - L'azionario europeo rimbalza
dai minimi questa mattina dopo dati sul Pil cinese lievemente
migliori del previsto. A sostenere il tono del mercato anche il
buon rialzo di Tesco (+3,7%).
    L'indice paneuropeo FTSEurofirst 300 guadagna alle
10,45 italiane lo 0,77% a 1.316,85 punti. Il paniere delle blue
chip dell'area euro Euro STOXX 50 segna un progresso
dell'1% a 3.122,19.
    Tra le singole piazze alla stessa ora Francoforte 
+1,02%, Parigi +0,98%, Londra +0,48%. 
    L'economia cinese corre al ritmo più lento da 18 mesi, ma il
dato sul Pil del primo trimestre al 7,4% è stato lievemente
superiore al 7,3% atteso.
    Il gruppo Tesco, numero 3 del retail mondiale, sale oggi
dopo aver perso il 15% in due mesi con i trader che citano un
calo dei profitti meno grave di quanto si prevedeva.
    
    I titoli in evidenza oggi: 
    Dopo il netto calo di ieri, oggi vanno bene i minerari - tra
i titoli più sensibili alle notizie dalla Cina - con Anglo
American e BHP Billiton in rialzo dello 0,4%.
    Credit Suisse perde il 2,7% dopo dati deludenti
che hanno sollevato interrogativi su quale sia la strategia
della banca. 
    Danone cede il 2,1% dopo aver accusato un calo
nelle vendite triemstrali.
    La biotech tedesca Morphosys guadagna oltre il
7,3% dopo l'aumento del target price da parte di Deutsche Bank.
    Le francesi Veolia Environnement e Suez
Environnement salgono di oltre il 3% dopo che Exane
BNP Paribas ha detto che sembra arrivato il momento giusto per
una fusione fra le due società.
    ASML cede il 4% dopo aver tagliato l'outlook sulle
vendite.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia