Pop Milano, domani vertici in Bankitalia, nessun rinvio aumento - fonti

martedì 15 aprile 2014 19:31
 

MILANO, 15 aprile (Reuters) - I vertici di Pop Milano si recheranno domani in Banca d'Italia per fare il punto della situzione sui temi relativi ad aumento di capitale e governance dopo la bocciatura, arrivata a sorpresa, della proposta sul nuovo statuto da parte dell'assemblea dei soci di sabato.

Lo confermano due fonti vicine alla situazione aggiungendo che l'avvio dell'operazione di ricapitalizzazione, previsto per il 5 maggio, resta in agenda senza subire variazioni.

"Domani i vertici faranno il punto della situazione con le autorità", dice una fonte secondo cui all'incontro sono previsti i due presidenti Piero Giarda e Mario Anolli insieme all'AD Giuseppe Castagna.

Sul fronte dell'aumento da 500 milioni di euro, un primo giro di contatti con le banche del consorzio di garanzia e con le Autorità è stato già fatto ieri e da cui sarebbe emerso un sostanziale via libera a procedere nei tempi stabiliti.

"I vertici della banca hanno confermato le intenzioni di andare subito avanti con l'aumento rispettando il percorso già tracciato, e sia le banche che le Autorità si sono mostrare disponibili. Poi si penserà alla governance", dice una seconda fonte.

Dopo l'inatteso esito dell'assemblea, i vertici di Bpm avevano dichiarato l'intenzione di rispettare la tempistica prevista sull'aumento di capitale anche se sarebbe stato doveroso, alla luce delle ultime novità, interpellare le Autorità e le banche del consorzio.

L'AD Giuseppe Castagna aveva anche ricordato come il contratto di pre-underwriting sottoscritto con le banche del consorzio di garanzia (Mediobanca, Barclays, Deutsche Bank, JP Morgan e Citigroup) era stato modificato per eliminare dalle condizioni di impegno l'approvazione della governance da parte dell'assemblea dei soci.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia