Nomine, Quirinale smentisce interferenze Napolitano

martedì 15 aprile 2014 13:57
 

ROMA, 15 aprile (Reuters) - Il Quirinale smentisce che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, abbia interferito con le nomine ai vertici delle partecipate pubbliche annunciate ieri sera dal governo.

"Nel colloquio di ieri mattina tra il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio [Matteo Renzi] sono apparse sulla stampa ricostruzioni fantasiose, addirittura attribuendo in qualche caso al capo dello Stato interventi nel merito di specifiche ipotesi di nomine in aziende pubbliche", si legge in una nota della presidenza della Repubblica.

"Nessun intervento del genere si è verificato, in quanto le responsabilità di decisione proprie del governo sono state pienamente rispettate", conclude il comunicato.

Palazzo Chigi ha comunicato ieri sera i nomi dei nuovi vertici di Eni, Enel, Finmeccanica e Poste. In talune ricostruzione si mette in relazione il nome di Napolitano con la riconferma del presidente di Finmeccanica Gianni De Gennaro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia