Eni,Enel,per broker bene scelte continuità per vertici,titoli poco reattivi

martedì 15 aprile 2014 11:48
 

MILANO, 15 aprile (Reuters) - La scelta dei nuovi vertici di Eni ed Enel è stata apprezzata dai broker, che sottolineano la continuità con le precedenti gestioni, ma non ha avuto un impatto significativo sui titoli.

Sul finire della mattinata Eni muove intorno alla parità (-0,38% a 18,39 euro), in sintonia con il settore energetico a livello europeo (-0,21%). Il governo ha nominato alla guida del gruppo petrolifero Claudio Descalzi, finora responsabile della divisione Exploration & Production. Nella sua nota quotidiana Banca Imi mette in evidenza che il nuovo AD, in virtù del suo passato, potrebbe focalizzarsi sulle attività E&P, una strategia che dovrebbe essere apprezzata dal mercato. Anche Equita giudica positiva la notizia.

ENEL cede invece l'1,7% a 3,94 euro, in linea con il mercato italiano, ma più debole rispetto alle altre società europee del settore. Anche in questo caso Banca Imi ed Equita ritengono che il Ceo proseguirà sulla strada delle linee strategiche recentemente presentate dal gruppo e apprezzano la scelta di continuità fatta dal governo.

Banca Akros sottolinea il buon lavoro svolto da Starace a Enel Green Power e parla di "migliore soluzione" per Enel.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia