Borsa Milano parte negativa, pesanti Pop Milano ed Etruria, bene Eni

lunedì 14 aprile 2014 09:25
 

MILANO, 14 aprile (Reuters) - Piazza Affari parte debole, ma meglio delle altre borse europee in una seduta che risente a livello globale delle nuove tensioni in Ucraina.

Poco dopo l'avvio l'indice FTSEMIB cede lo 0,16%, l'Allshare lo 0,25%. Il paniere europeo FTSEurofirst 300 arretra dello dello 0,20%.

Lettera sulle banche, in particolare la POPOLARE MILANO che cede oltre l'8%. Il motivo è legato alla bocciatura da parte dell'assemblea dei soci alle proposte di riforma della governance. "Il ribasso odierno è inevitabile", osserva un trader. Sul mercato ci sono timori sulle conseguenze per l'aumento di capitale e per la posizione della Banca d'Italia che ha più volte sollecitato la banca a modernizzare le regole di governance.

Giù di oltre il 6% anche la POPOLARE ETRURIA sulla scia dell'annuncio di trattative in esclusiva con la Popolare di Vicenza per studiare un'integrazione fra i due gruppi.

Positiva ENI in salita dello 0,44% a fronte di uno stoxx settoriale europeo piatto; il titolo risente in positivo delle indiscrezioni che danno l'attuale direttore generale E&P, Claudio Descalzi in pole per sostituire Paolo Scaroni alla guida della major. L'eventuale nomina di Descalzi piace al mercato.

Bene anche SAIPEM sulle indiscrezioni di una commessa in Arzebaijan come riportato dalla stampa.

STM perde il 2% dopo il declassamento a "sell" da parte di Ubs.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...