BORSE ASIA-PACIFICO-Indici in calo in scia Wall Street, tensioni Ucraina

lunedì 14 aprile 2014 08:59
 

INDICE                          ORE 8,40    VAR %   CHIUS. 2013
 MSCI ASIA-PAC.                      480,27   -0,54       468,16
 TOKYO                            13.910,16   -0,36    16.291,31
 HONG KONG                        23.020,34   +0,05    22.656,92
 SINGAPORE                         3.213,35   +0,47     3.167,43
 TAIWAN                            8.857,42   -0,57     8.611,51
 SEUL                              1.997,02   -0,02     2.011,34
 SHANGHAI COMP                    2.129,26x   -0,06    2.115,978
 SYDNEY                            5.358,90   -1,28    5.352,214
 MUMBAI                             chiusa             21.170,68
    14 aprile (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico
cedono altro terreno oggi, dopo che la deludente settimana a
Wall Street e le tensioni in Ucraina hanno tolto agli
investitori l'appetito per il rischio e rilanciato lo yen come
investimento rifugio.
    Scaduto l'ultimatum del governo ucraino ai separatisti
filo-russi perché depongano le armi, i ministri degli Esteri
dell'Unione Europea si riuniscono oggi per valutare se inasprire
le sanzioni alla Russia.
    Sul mercato dei cambi, lo yen ha beneficiato dell'aumentata
avversione per il rischio nei mercati. Il dollaro ha perso lo
0,1% a 101,55 yen, dopo avere toccato venerdì scorso i
minimi da tre settimane e mezzo a 101,32 yen.
    Intorno alle 8,40 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, scende
dello 0,54%.
    Piatte le borse cinesi con HONG KONG che recupera a metà
giornata dopo che le commissioni borsistiche dell'isola e di
SHANGHAI hanno raggiunto un accordo per permettere investimenti
incrociati nei due mercati. Prada ha guadagnato il
2,75%.
    TAIWAN ha chiuso in calo sulla scia della performance
negativa dei titolo tecnologici Usa. Tra i nomi in maggior
evidenza, il produttore di lenti per telecamere Largan Precision
Co Ltd che ha perso il 5,5%, mentre AU Optronics Corp
, il quarto produttore al mondo di schermi lcd, è
scivolato dell'1,68%.
    SEUL ha concluso la giornata piatta: il rally dei
tecnologici ha compensato le perdite indotte dalla cattiva
performance dei mercati americani.
    SYDNEY ha lasciato sul campo l'1,3%, la perdita giornaliera
più ampia dell'ultimo mese.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia