M&A, forte ripresa mercato italiano in trim1 2014 grazie a esteri-Kpmg

giovedì 10 aprile 2014 20:00
 

MILANO, 10 aprile (Reuters) - Il mercato italiano M&A ha registrato decisi segnali di ripresa nel primo trimestre del 2014 grazie soprattutto al forte interesse degli investitori esteri che dimostra come l'Italia sia sempre più preda.

Secondo un rapporto di Kpmg presentato oggi, nei primi tre mesi dell'anno complessivamente sono state chiuse 105 operazioni, più che raddoppiate rispetto allo stesso periodo del 2013 per un controvalore di 10,7 miliardi di euro, circa tre volte quello dell'anno scorso.

La direttrice più rilevante per controvalore si conferma quella 'estero su Italia' con 4,3 miliardi per 36 operazioni. Tra i principali deal, il recente investimento di People's Bank of China in Eni e Enel con una quota di poco oltre il 2% nei big energetici italiani per un valore stimato rispettivamente di 1,4 e 0,8 miliardi di euro.

Spiccano inoltre l'acquisizione della farmaceutica di Gentium, italiana quotata al Nasdaq, da parte dell'irlandese Jazz Pharmaceuticals per 735 milioni di euro circa e l'aquisizioni del 59% di Poltrona Frau da parte di Haworth per 240 milioni di euro.

Le operazioni 'Italia su Estero' sono ancora "una partita per pochi", sottolinea Kpmg con 18 operazioni e un controvalore di 2,9 miliardi nel 2014.

Significativa per controvalore è quella che ha coinvolto il gruppo Fiat e la controllata americana Chrysler con la conclusione della quota della casa Usa ancora in possesso del fondo pensionistico Veba.

Tutta italiana invece la fusione a quattro, efficace ad inizio anno, tra Unipol, Premafin, Fonsai e Milano Assicurazioni, la seconda maggiore operazione dell'anno, dopo quella di Fiat, con un controvalore di 2,7 miliardi di euro.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia