PUNTO 1-Rai chiude bilancio 2013 in attivo, 2014 "difficile"-Gubitosi

giovedì 10 aprile 2014 15:57
 

(Aggiorna con dichiarazioni Gubitosi su 2014)

ROMA, 10 aprile (Reuters) - Il bilancio 2013 della Rai ha chiuso in attivo di 5 milioni di euro, dopo che nel 2012 aveva registrato una perdita di 244 milioni, a causa del calo della pubblicità e dei costi per i diritti sportivi.

Ma il 2014 sarà nuovamente un anno difficile per l'azienda, ha detto oggi il Luigi Gubitosi, illustrando i risultati ai giornalisti, dopo che in mattinata il cda ha votato all'unanimità il bilancio.

La caduta dei ricavi, 38 milioni di euro in meno sul 2012 (in particolare -8,5% sulla pubblicità), è stata compensata dal taglio dei costi, scesi del 12%.

La situazione finanziaria netta si attesta a -440 milioni di euro, rispetto ai 366 di fine 2012.

Il margine operativo lordo è stato di 663 milioni, +169 milioni rispetto all'anno precedente. Il risultato operativo ha registrato +231 milioni su anno, a 66 milioni.

Sono migliorati gli ascolti, dopo anni di calo: nel prime time Rai ha avuto uno share del 40%, tra i migliori in Europa.

Secondo Gubitosi, il risultato del 2013 è in linea col piano industriale di viale Mazzini, e si conferma l'obiettivo di essere "saldamente" in utile nel 2015.

Ma il 2014, ha detto il dg, sarà "un anno difficile", sia per il costo dei mondiali di calcio in Brasile (100 milioni di euro di diritti, a cui vanno aggiunti i costi operativi) sia per le spese di trasformazione tecnologica e anche per il mancato adeguamento del canone e l'evasione, che è attualmente al 27%, secondo i dati Rai.   Continua...