PUNTO 1-Risanamento venderà 2 immobili Parigi a Zunino se ok Chelsfield

lunedì 7 aprile 2014 15:29
 

(aggiunge dettagli da fonte, andamento titolo)

MILANO, 7 aprile (Reuters) - Il Cda di Risanamento ha accettato la proposta d'acquisto avanzata dall'ex proprietario Luigi Zunino su due immobili di Parigi se ci sarà il via libera di Chelsfield/The Olayan Group, che su quegli asset e su altri sette immobili francesi aveva stretto un accordo di compravendita con la società.

Il sì del fondo inglese controllato dal gruppo Olayan, dice una nota, dovrà arrivare entro domani visto che il termine per la sottoscrizione del contratto preliminare firmato a gennaio è stato prorogato al 9 aprile.

L'offerta "ferma e irrevocabile" giunta da Zunino, dalle holding in liquidazione azioniste minoritarie di Risanamento (Nuova Parva, Zunino Investimenti Italia, Tradim) e da Oui (altra società fondata da Zunino) riguarda gli immobili 17/19 Avenue Montaigne e 17 St. Florentin e contempla "un contesto di definizione globale dei rapporti tra gli offerenti ed il gruppo Risanamento".

"Ferma restando l'efficacia degli accordi in essere con Chelsfield/The Olayan Group, il consiglio di amministrazione, previo parere favorevole del comitato per le operazioni con parti correlate, ha ritenuto l'offerta presentata di interesse per la società, anche al fine di rendere più spedita l'esecuzione degli accordi già sottoscritti con Chelsfield/The Olayan Group", dice la nota. La condizione è che entro l'8 aprile Chelsfield "presti il proprio consenso a modificare gli accordi in essere per l'acquisto del portafoglio francese nella misura necessaria a consentire la sottoscrizione degli accordi con gli offerenti".

Una fonta vicina al dossier, confermando indiscrezioni stampa del week-end, spiega che la proposta di Zunino e delle sue holding valorizza i due immobili quasi 180 milioni di euro, in linea con il prezzo offerto da Chelsfield, e che l'accordo con l'immobiliarista, proprietario di Risanamento fino al concordato prefallimentare del 2009, prevede anche la rinuncia da parte sua di nuove azioni legali.

Il titolo, poco mosso in mattinata, si è via via gradualmente scaldato dopo la notizia e intorno alle 15,30 sale del 3,6% a 0,221 euro in un mercato fiacco.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...