Ue, Barroso pronto a sostenere riforme Italia annunciate da Renzi

venerdì 21 marzo 2014 18:14
 

ROMA, 21 marzo (Reuters) - Le proposte di riforma illustrate dal presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, rispettano i vincoli europei e Bruxelles le sosterrà.

Lo ha detto in una intervista a SkyTg24 il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, al termine del Consiglio dei capi di stato e di governo Ue che si è concluso oggi, il primo per il neo premier italiano.

"Ho ascoltato con grande attenzione le riforme [proposte da Renzi] e non esito a definire alcune di queste riforme storiche. Credo che saranno attuate nell'interesse dell'Italia, gli ho promesso l'appoggio a queste riforme", ha detto Barroso.

Alla domanda se ci siano dei margini di flessibilità sui vincoli di bilancio Ue, Barroso ha chiarito che non è una decisione che attiene all'esecutivo comunitario, ma agli Stati membri che hanno siglato i Trattati: "Come Commissione dobbiamo rispettare ciò che è definito [nei Trattati sottoscritti dagli Stati] e Renzi ha detto che tutte le sue idee mirano a realizzare le riforme nel pieno rispetto dei vincoli europei".

"Per cambiare i Trattati serve l'unanimità, non è la Commissione che lo impone".

In merito alle dichiarazioni di Renzi, secondo il quale la regole del 3% come tetto massimo per il rapporto deficit/Pil sarebbe 'anacronistica' e sulla possibilità di modifiche, Barroso ha citato l'intervento fatto dal presidente della Bce durante il Consiglio Ue: "Mario Draghi, un italiano e uomo ammirevole, ha detto a tutti i capi di Stato e di governo: attenzione, non pensate che con l'aumento della spesa avrete la crescita, al contrario. Il solo modo per creare crescita è fare le riforme per avere più flessibilità, fare investimenti e essere più competitivi".

"Credo di aver capito chiaramente che il primo ministro Renzi è davvero intenzionato a intraprendere questa strada", ha concluso il presidente uscente della Commissione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia