March 21, 2014 / 5:05 PM / 3 years ago

PUNTO 1-Italia conferma Fiscal compact ma no a vincoli lontani da cittadini-Renzi

5 IN. DI LETTURA

* Renzi dice che non vuole conflitti con Ue ma neanche sudditanza

* Gigantesco piano di riforme entro il primo luglio

* Le regole sono conseguenze dell'Europa che si ha in testa (Aggiunge altre dichiarazioni, contesto)

di Giselda Vagnoni

BRUXELLES, 21 marzo (Reuters) - Metteo Renzi conferma l'impegno al rispetto delle regole europee sul bilancio ma dice che l'Italia in occasione della presidenza di turno dell'Ue vuole dare il suo contributo perché l'Europa "non si preoccupi di vincoli lontani" dalle esigenze dei suoi cittadini.

Ai richiami europei di conferma degli impegni su debito e deficit, il presidente del Consiglio risponde di non volere "un rapporto conflittuale, ma nemmeno supino".

Nella conferenza stampa al termine del Consiglio Ue a Renzi è stato chiesto se Roma, nel semestre di presidenza che inizierà il primo luglio, cercherà di rinegoziare le regole del cosiddetto Fiscal Compact, che prevedono in sostanza il pareggio di bilancio strutturale e una riduzione del debito/Pil di un ventesimo l'anno.

Quello sul Fiscal compact è un "impegno che il Paese ha preso e che confermiamo con tutti i paletti, compresa la congiuntura in cui si vive", ha risposto Renzi.

"Certo, le dico che il semestre che noi immaginiamo vede un'Europa che sia in grado di affrontare questioni vere che ogni giorno affrontano i cittadini a partire dalla disoccupazione. Un'Europa che si preoccupa di vincoli astratti, lontani dalla gente è un'Europa che sbaglia".

Le regole, insomma sono "una conseguenza, il punto vero è l'Europa che abbiamo in testa. Non è tanto: trattato sul Fiscal Compact sì o no. E' l'idea di Europa ciò che conta".

Renzi ha chiaro, però, che per poter svolgere in modo autorevole il compito di guidare le istituzioni europee l'Italia dovrà dimostrare entro il primo luglio di saper fare un "gigantesco lavoro sulle riforme".

E le elenca: riforma costituzionale, legge elettorale, superamento del Senato, delle province, riforma del mercato del lavoro e della pubblica amministrazione, interventi sulle scuole, riforma della giustizia e del sistema fiscale.

"Con le autorità europee abbiamo parlato di tempi delle riforme, non chiesto bollinature" sul documento di economia e finanza e sul documento sulla convergenza e la stabilità che sarà presentato il 7 aprile alla Commissione, scandisce.

Giro Di Vite Su Centrali Acquisto, Dirigenti Pubblici

La cartina di tornasole della volontà del governo di portare avanti un "cambiamento rivoluzionario" saranno i risparmi di spesa pubblica che in questi giorni ha individuato il commissario per la spending review Carlo Cottarelli e che negli obiettivi del governo dovrebbero portare 34 miliardi di risparmi in tre anni.

Sicuramente, ha detto Renzi, non ci saranno tagli "ai pensionati che guadagnano il giusto", mentre ci potrebbe essere qualche sforbiciata a chi percepisce 200.000 euro. Giro di vite sulle centrali di acquisto, sui dirigenti pubblici, sul personale amministrativo delle forze armate e sulle istituzioni "che sono un autentico pedaggio per gli italiani".

Guardando alle elezioni europee del 25 maggio e al rinnovo degli organi europei, Renzi ha ripetuto che è intenzione dell'Italia portare in Europa, "non solo a livello di Commissione, persone convintamente europeiste e appassionate di Europa".

Sui giornali italiani si è dato molto risalto ai sorrisi imbarazzati che ieri si sono scambiati il presidente del Consiglio Ue Herman Van Rompuy e il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso rispondendo a una domanda sulla possibilità che l'Italia aumenti il deficit per spingere la crescita e togliere argomenti agli euroscettici.

Nella scena è stata vista una riedizione del duetto tra Angela Merkel e Nicolas Sarkozy dell'ottobre 2011 che marcò il punto più basso nelle relazioni tra l'allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e l'Europa.

"Ho letto delle polemiche sui sorrisi che riapre una ferita aperta. Io personalmente ho trovato questa ricostruzione lontana dalla realtà. Se loro sono felici sono contento per loro, ma io voglio fare felici le famiglie italiane", ha commentato Renzi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below