20 marzo 2014 / 10:25 / tra 4 anni

PUNTO 2-Finmeccanica fiduciosa su vendita settore trasporti-Pansa

* L‘Ad incassa il via libera del governo alle cessioni di Breda e Sts

* Le nuove guidance per il 2014 scontano ancora il rosso dei treni

* Il titolo ha salutato il ritorno all‘utile con una partenza positiva (Aggiunge Pansa in audizione)

ROMA, 20 marzo (Reuters) - Finmeccanica si dice fiduciosa di raggiungere il suo target di deconsolidare il settore trasporti, cioè Ansaldo Breda e Ansaldo Sts, in tempi rapidi, in particolare dopo il sostegno ricevuto ieri sera dal ministero dell‘Economia e da quello dello Sviluppo economico su questo tema.

Lo ha detto l‘amministratore delegato Alessandro Pansa nel corso della conference call di presentazione dei risultati 2013.

I risultati mostrano che il settore trasporti pesa ancora negativamente sui conti e continuerà a pesare anche su quelli 2014, come ha detto il Cfo Gian Piero Cutillo.

Pansa ha detto di non potere aggiungere nulla sulle trattative in corso per la vendita dei treni, ma ha commentato di essere “fiducioso che raggiungeremo gli obbiettivi del nostro piano”, cioè la cessione del settore trasporti, “in un breve periodo di tempo”. Ha aggiunto che ciò avverrà “in collaborazione con il governo e sindacati”, cercando di rassicurare anche i lavoratori che la cessione non sarà per loro penalizzante.

Nel pomeriggio, in una audizione in Senato, Pansa ha aggiunto che per le due aziende del settore trasporti Finmeccanica è alla “ricerca di un partner internazionale”.

Le dichiarazioni della società sul deconsolidamento di Ansaldo Breda hanno dato linfa alle indiscrezioni sulle trattative per la cessione, indiscrezioni che coinvolgono le principali aziende internazionali del settore.

In lizza ci sarebbero, o sarebbero state, Hitachi, General Electric Italia, le cinesi China Cnr Corporation e Insigma, Thales e Bombardier , tutte più o meno accompagnate a qualche gruppo italiano. Due giorni fa la Uilm aveva parlato di “ore” per la conclusione delle trattative; le parole di oggi di Pansa lasciano intendere che in effetti non dovrebbe mancare molto.

TITOLO POSITIVO IN BORSA DOPO RITORNO A UTILE

Intanto il titolo ha avuto una partenza sprint questa mattina in borsa arrivando a guadagnare oltre il 3% sulla scia del ritorno all‘utile (+74 milioni nel 2013) dopo due anni di risultati fortemente negativi.

Con i risultati è stato annunciato anche il nuovo outlook per il 2014 con ricavi compresi fra 13 e 13,5 miliardi dai 13,7 miliardi del 2013 (valori rivisti col nuovo principio contabile sulle joint venture).

L‘Ebita è visto fra 930 e 980 milioni (dagli 878 nel 2013), il free operating cash flow (Focf) visto fra negativo per 100 milioni e lo zero (da -220 milioni).

L‘outlook limitato al core business del settore aerospazio e difesa vede nel 2014 ricavi a 11-11,5 miliardi, un Ebita a 970-1.030 milioni, un Focf a 250-300 milioni.

Alle 15,16 il titolo guadagna il 3,12% a 7,2700 euro.

(Paolo Biondi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below