Borsa Milano, avvio lievemente cedente con Europa, Mps in calo

mercoledì 19 marzo 2014 09:33
 

MILANO, 19 marzo (Reuters) - Dopo una partenza poco mossa Piazza Affari si indebolisce, in linea con l'andamento delle altre borse europee, in vista dell'importante appuntamento del comitato di politica monetaria della Fed.

Il mercato si attende che, nella prima riunione a guida Yellen, l'istituto centrale Usa tagli ulteriormente il proprio programma di acquisti di titoli, riducendo la liquidità fornita al sistema.

Gli analisti si aspettano inoltre che la Fed elimini la strategia di definire obiettivi quantitativi precisi in termini di disoccupazione in favore di un atteggiamento più flessibile.

Alle 9,20 circa l'indice FTSE Mib cede lo 0,15%, l'Allshare lo 0,13%. L'indice benchmark europeo FTSEurofirst 300 arretra dello 0,05%.

Partenza incerta per MPS che, dopo un primo balzo, inverte la tendenza e arriva a perdere oltre il 2% dopo che la Fondazione ha comunicato che ieri ha venduto a mercato chiuso l'11,98% del capitale scendendo, considerate anche le ultime vendite effettuate sul mercato, al 15% del capitale dell'istituto senese.

"L'operazione era il presupposto ineludibile per l'avvio dell'aumento di capitale da 3 miliardi, che verrà eseguito entro la fine del primo semestre dell'anno", ricorda Icbpi in una nota.

Il broker sottolinea che l'istituto sta attirando l'interesse di numerosi fondi Usa "attratti dal potenziale economico del turnaround in corso".

Un altro broker analizza gli effetti della mossa sulla governance, evidenziando che la Fondazione rimarrà al momento l'azionista di maggioranza relativa, ma l'azionariato diventa più frazionato.

Debole anche SNAM in calo dello 0,8% dopo l'annuncio delle principali linee strategiche fino al 2017. Annuciato inoltre l'avvio delle trattative per l'acquisizione della quota posseduta dalla Cdo in Tag.   Continua...