March 18, 2014 / 4:18 PM / 3 years ago

Difesa, Pinotti rimanda tagli a dicembre con il libro bianco

4 IN. DI LETTURA

(-)

* Pinotti: stiamo ragionando sul complesso dei sistemi d'arma

* Possibili tagli a F-35, ma Aeronautica "fondamentale"

* Binelli Mantelli: mancano acquirenti per immobili dismessi

di Antonella Cinelli e Steve Scherer

ROMA, 18 marzo (Reuters) - Bisognerà aspettare dicembre per capire cosa ne sarà dei progetti del settore Difesa, in primis il contestato acquisto da parte dell'Italia di 90 caccia F-35.

Oggi il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha infatti annunciato che il libro bianco - una pianificazione complessiva dei progetti militari - dovrebbe essere pronto per la fine dell'anno.

"Credo che il libro bianco si possa chiudere entro dicembre: prima no perché ci limiteremmo a fare solo la stesura dell'esistente, di più no perché c'è l'urgenza di avere un quadro", ha detto la Pinotti nel seguito di un'audizione davanti alle commissioni Difesa congiunte di Camera e Senato.

Nei giorni scorsi il premier Matteo Renzi ha annunciato tagli al settore difesa - 100 milioni di euro nel 2014, 1,5 miliardi nel 2015 e 2,2 miliardi nel 2016 - nell'ambito della spending review, senza però fornire dettagli.

Dal canto suo la Pinotti chiede "un ragionamento complessivo su tutti i sistemi d'arma", che potrebbe comportare il taglio dell'acquisto di caccia di nuova generaziione del programma americano F-35, guidato da Lockheed Martin e al quale partecipa Finmeccanica.

L'Italia si è impegnata ad acquistare 90 F-35 - già ridotti rispetto ai 131 iniziali - a partire dal 2015, per circa 12 miliardi di euro, per sostituire i circa 160 velivoli su cui può contare attualmente e che resteranno a terra nel giro di qualche anno.

"E' stato mantenuto l'impegno assunto dal governo a non fare ulteriori acquisizioni di F-35 oltre ai lotti già decisi", ha spiegato la Pinotti, escludendo però "fughe in avanti" e sottolineando che l'aeronautica è "un assetto fondamentale della nostra difesa".

Binelli Mantelli: Gia' Taglito, Problema Vendere Immobili

Con i nuovi annunciati tagli alla Difesa rischiamo di ritrovarci con uno strumento militare "non più sostenibile", ha spiegato oggi il capo di stato maggiore della Difesa, Luigi Binelli Mantelli.

"Sfido qualunque altra amministrazione a disegnare in dieci anni un taglio di 50.000 posti di lavoro", ha detto Binelli Mantelli, riferendosi al progetto di ristrutturazione dell'intero comparto Difesa avviato nel 2012, che prevede una riduzione dei militari da circa 183.000 a 150.000 e dei civili da 30.000 a 20.000 entro il 2022.

Gli fa eco la Pinotti, che sottolinea come in Italia "abbiamo un problema di spesa pubblica complessiva; guai a pensare che la Difesa è il bancomat".

Secondo l'ammiraglio Binelli Mantelli "si può razionalizzare ancora, certamente bisogna avere il coraggio di dismettere il vecchio per puntare sulle cose più importanti".

Ma il problema vero è che è difficile collocare gli immobili dismessi dalla Difesa: "C'è l'offerta ma non c'è l'acquirente. Questo è un problema fondamentale, perché c'è una potenzialità economica notevolissima, nelle grandi città così come in periferia".

Riguardo poi alle indiscrezioni di stampa secondo cui, per risparmiare, sarebbe possibile vendere la nave Garibaldi della Marina militare, il capo di stato maggiore della Difesa precisa che l'Italia ha una sola portaerei, la Cavour: "Si può discutere su quella che è la sostenibilità [della Garibaldi]. Va tutto sviluppato in un programma che credo le forze armate e lo Stato maggiore della difesa abbiano competenza per definire".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below