Banche Italia, con pulizie bilancio stato salute migliora-Fitch

martedì 18 marzo 2014 11:32
 

MILANO/LONDRA, 18 marzo (Reuters) - La pulizia dei bilanci in vista dell'asset quality review effettuata dalle banche italiane con i conti 2013 ha migliorato lo stato di salute complessivo del sistema in concomitanza con la stabilizzazione dello scenario operativo, anche se resta da vedere se non servano sforzi ulteriori.

Lo scrive l'agenzia Fitch in un report pubblicato oggi sottolineando che i conti 2013 di Intesa Sanpaolo, che saranno annunciati la prossima settimana, "confermeranno una forza patrimoniale e una capacità di generare reddito maggiori rispetto ai concorrenti italiani".

Fitch nota nel report che se da un lato gli oneri derivanti dalle svalutazioni sono stati più alti, dall'altro c'è stato nel quarto trimestre un rallentamento dei crediti deteriorati e ciò conferma l'aspettativa che l'asset quality si stabilizzerà e che l'aggregato dei crediti non perfoming avrà il suo picco nel 2014. Tuttavia - prosegue il report - qualsiasi inversione di trend per l'asset quality richiederà del tempo prima di manifestarsi.

Secondo Fitch le banche italiane che non hanno fatto pulizia sui portafogli come fatto ad esempio da UniCredit (quasi 14 miliardi nell'intero 2013) probabilmente sperimenteranno svalutazioni sui crediti alte anche quest'anno, anche se al di sotto dei livelli dell'anno scorso.

Per ciò che riguarda UniCredit, che ha registrato circa il 70% delle svalutazioni totali finora riportate dalle banche italiane, l'agenzia prevede che la banca sarà in grado di registrare nel 2014 oneri da svalutazioni su crediti inferiori in modo significativo rispetto al 2013.

Infine Fitch spiega come le grandi banche italiane che hano già annunciato i risultati 2013 hanno un Common Equity Tier 1, secondo i criteri di Basilea 3 a regime, superiore al 9% nel 2013. "Questo dovrebbe renderle ben posizionare per gli esercizi Bce, soprattutto quelle che hanno avuto un approccio più rigoroso sull'asset quality".

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia