CORRETTO-Finmeccanica, "stupore" AD Pansa per contratto Michell riacquisto elicotteri

giovedì 13 marzo 2014 23:16
 

(Corregge alla riga 89 lo status di Haschke, tornato in libertà)

di Emilio Parodi

BUSTO ARSIZIO, 13 marzo (Reuters) - Una operazione di riacquisto di elicotteri vecchi e obsoleti per facilitare la vendita di nuovi, conclusa però un anno dopo aver già vinto la gara d'appalto dei nuovi apparecchi.

E' quanto emerso oggi al processo in corso al Tribunale di Busto Arsizio nel quale l'ex AD di Finmeccanica Giuseppe Orsi e l'ex AD di AgustaWestland Bruno Spagnolini sono imputati di corruzione internazionale per presunte tangenti legate all'appalto da 560 milioni di euro per 12 elicotteri al governo indiano.

La circostanza è emersa durante l'interrogatorio come testimone dell'attuale AD di Finmeccanica Alessandro Pansa, impegnato a rievocare davanti ai giudici i suoi provvedimenti - all'indomani dell'arresto di Orsi e Spagnolini il 12 febbraio 2013 e poi della sua successiva nomina - riguardo ai contratti di consulenza, al centro di questo processo, pagati dal gruppo italiano alle due società contrapposte guidate dall'italoamericano Guido Ralph Haschke e dal britannico Christian Michell.

In particolare riguardo al "mondo Michell", dopo che Pansa ha ricordato di aver fatto sospendere "immediatamente" i contratti all'epoca ancora in corso con la società del consulente britannico (uno dei quali datato addirittura gennaio 2013, come ha sottolineato lo stesso AD) da parte di Agusta Westland Ltd, le domande del pm Eugenio Fusco si sono concentrate su un contratto concluso con Michell all'inizio del 2011.

18 MILIONI EURO PER RIACQUISTO VECCHI ELICOTTERI

Si tratta di una "operazione di riacquisto dell'usato per aiutare la vendita dei nuovi", ha dichiarato in aula Pansa. A questo punto il pm ha mostrato le foto dei 14 vecchi elicotteri WWG30, definiti dal magistrato "rottami", acquistati da AgustaWestland all'inizio del 2011 per 18 milioni di euro.   Continua...