12 marzo 2014 / 20:18 / tra 4 anni

PUNTO 2-Da maggio Irap -10%, Irpef -10 mld, rendite tassate a 26% -Renzi

* Deficit 2014 sale a 3% da 2,6%. L‘Irap varrà 2,4 miliardi

* Taglio Irpef su base annua da 10 miliardi per redditi 25.000 euro

* Misure sui contratti a termine portati fino a 3 anni senza causale (Aggiunge piano casa)

ROMA, 12 marzo (Reuters) - A partire dal 1° maggio 2014 l‘Irap a carico delle imprese sarà tagliata del 10% grazie all‘aumento della tassazione sulle rendite finanziarie, esclusi i titoli di Stato, che salirà al 26% dall‘attuale 20%.

Sempre dal primo maggio il governo mette a disposizione 10 miliardi di minor Irpef su base annua. Circa 10 milioni di italiani che guadagnano meno di 1.500 euro netti al mese si ritroveranno in un anno 1.000 euro netti in più.

Fra le coperture i 6,5 miliardi circa che verrebbeo dall‘innalzamento del deficit 2014 al 3% dal 2,6% previsto e almeno 3 miliardi dalla spending review.

Lo ha annunciato stasera il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, illustrando a palazzo Chigi i provvedimenti (un pacchetto di decreti legge, disegni di legge, deleghe ed altri provvedimenti per ora solo annunciati e che saranno varati dopo il Def dei prossimi giorni) che il governo ha assunto oggi in favore del lavoro e per il rilancio dell‘economia.

Sempre da maggio il costo dell‘energia per le Pmi che misura 14 miliardi sarà ridotto del 10% con “la rimodulazione del paniere della bolletta energetica”, ha concluso Renzi.

Renzi ha precisato che l‘aumento della tassazione sulle rendite vale 2,6 miliardi a fronte dei 2,4 miliardi di costo del taglio dell‘Irap.

“Avremo una tassazione delle rendite in linea con la media europea e abbassiamo il costo del lavoro”, ha detto il premier.

RIDUZIONE ANNUA 1.000 EURO PER REDDITI FINO 25.000

Il centro dei provvedimenti illustrati dal capo del governo ruota attorno all‘annunciata riduzione Irap e ad una più consistente riduzione dell‘Irpef per i lavoratori dipendenti pubblici e privati.

“C‘è stata una polemica incredibile sulla copertura. I soldi per mettere in tasca a 10 milioni di italiani 10 miliardi ci sono, dal 1° maggio chi guadagna meno di 1.500 euro vedrà”, ha detto il premier.

La copertura dei 10 miliardi, ha assicurato Renzi, arriverà attraverso “risparmi di spesa e non con aumento di altre tasse”.

Nel 2014 si può spingere il rapporto deficit/Pil al limite del 3%: “Noi abbiamo un margine, nel meraviglioso 3% europeo, di 0,4%. Ogni 0,1 vale 1,6 miliardi di euro. Cioè, mantenendo il limite del 3% - che nessuno immagina né vuole sforare - abbiamo un margine di 6,4 miliardi di euro” rispetto al 2,6% di deficit/Pil tendenziale.

NOVITA’ SUL FRONTE DEI CONTRATTI A TERMINE. IL PIANO CASA

Il governo ha inoltre varato stasera un decreto legge in materia di mercato del lavoro che prevede semplificazioni nell‘apprendistato e nei contratti a termine che si potranno stipulare fino a tre anni, dai 12 mesi attuali, senza causale e con il limite del 20% sul totale dei lavoratori. Prevista anche la semplificazione dell‘apprendistato.

Il pacchetto di interventi sul Welfare, oltre al decreto, prevede anche un disegno di legge delega per riordinare “l‘intero sistema del lavoro dall‘assegno di disoccupazione, al salario minimo, agli ammortizzatori, alla tutela delle donne in maternità”.

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha spiegato che sarà abolito l‘obbligo della interruzione fra contratti a termine per la stessa persona. Ha anche annunciato il raddoppio del credito d‘imposta (600 milioni aggiuntivi) per i ricercatori nei prossimi tre anni e uno stanziamento di 1,7 miliardi per garantire ai giovani fra 18 e 29 anni il lavoro o il proseguimento degli studi entro 4 mesi dal titolo di studio.

Il governo ha varato anche un piano casa da 1,7 miliardi che prevede fra l‘altro la riduzione della cedolare secca dal 15 al 10%, per gli alloggi a canone concordato e per gli studenti universitari.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below