Borsa Usa poco mossa, timori Cina frenano ambizioni rimbalzo

mercoledì 12 marzo 2014 17:04
 

NEW YORK, 12 marzo (Reuters) - I crescenti timori sullo stato di salute dell'economia cinese frenano le ambizioni di rimbalzo di Wall Street con l'indice S&P 500 che potrebbe chiudere la sua terza seduta consecutiva in calo dopo i recenti record.

Le quotazioni del rame a Londra, considerate il termometro del benessere dell'economia cinese, sono in ribasso per il quarto giorno consecutivo e hanno toccato il livello più basso da luglio 2010.

Inoltre con la stagione delle trimestrali ormai in dirittura d'arrivo e un'agenda macro scarna, gli investitori sono attenti agli sviluppi geopolitici in Ucraina.

"Siamo saliti troppo. Vedremo movimenti altalenanti", spiega Rick Meckler, presidente di LibertyView Capital Management.

Intorno alle 17 italiane, il Dow Jones cede lo 0,06%, l'S&P 500 lo 0,08%, il Nasdaq sale invece dello 0,24%.

EPL Oil & Gas sale del 29,20% dopo aver raggiunto un accordo per essere acquistata dalla rivale più grande Energy XXI (-6,67%) per 2,3 miliardi di dollari, debito incluso.

La società di abbigliamento Express Inc cede il 10,80% dopo aver annunciato i risultati del quarto trimestre e le previsioni per quello corrente, entrambi inferiori alle attese degli analisti.

Oxigene vola a +106,54% dopo aver annunciato che il farmaco sperimentale Zybrestat, combinato all'Avastin di Roche, ha significativamente rallentato l'avanzamento del cancro alle ovaie, più di quanto faccia l'Avastin da solo.

Geron Group cede il 63,18% dopo che l'Fda ha ordinato lo stop alle sperimentazioni di un farmaco contro il tumore per il timore di potenziali danni epatici.   Continua...