RPT-Tirreno Power,sequestrati due gruppi a carbone per mancato rispetto Aia

martedì 11 marzo 2014 17:41
 

(Elimina refuso in nome Vado Ligure)

MILANO, 11 marzo (Reuters) - Il Gip del tribunale di Savona, su richiesta della Procura, ha messo sotto sequestro, ordinando lo spegnimento di due gruppi a carbone della Centrale di Vado Ligure di Tirreno Power, mentre resta in funzione quello a ciclo combinato non interessato dal provvedimento.

E' quanto dice un portavoce della società, controllata al 50% dal colosso francese Gdf-Suez e al 39% da Sorgenia (gruppo Cir ). Il resto delle quote è diviso partiteticamente fra Hera e Iren con il 5,5% ciascuno.

"Hanno spento i due gruppi a carbone, mentre quello a ciclo conbinato non è interessato dal provvedimento. Siamo sorpresi anche perché ci sfugge la ratio del provvedimento", sottolinea il portavoce. "Stiamo guardando il documento di circa 50 pagine e sembra che si sia stata una violazione dell'Autorizzazione integrata ambientale", aggiunge.

La centrale di Vado Ligure è costituita da un'unità a ciclo combinato di taglia pari a 800 MW, che utilizza due turbogas alimentati esclusivamente a gas naturale, e da due unità a carbone da 330 MW cadauna; quest'ultime sono quelle oggetto del sequestro, pertanto restano attivi 140 MW potenziali di produzione energetica.

"Nella centrale lavorano circa 300 dipendenti, ma è difficile calcolare quanti sono i lavoratori coinvolti dal sequestro", sottolinea sempre il portavoce.

(Giancarlo Navach)

  Continua...