Unicredit balza dopo perdita shock su svalutazioni, piace pulizia, no aumento

martedì 11 marzo 2014 15:10
 

MILANO, 11 marzo (Reuters) - Unicredit recupera terreno dopo il tonfo iniziale e sale fino a oltre 4% dopo le rettifiche monstre registrate nel quarto trimestre che hanno portato i conti 2013 in rosso per 14 miliardi di euro.

In rialzo di circa 1% prima dei risultati, il titolo è scivolato fino a -2% per poi riconquistare il segno più. Intorno alle 15 sale di 3,6% a 6,26 euro con un picco di volumi. Il mercato sale dello 0,4%.

"Un'enorme pulizia di bilancio come piace al mercato", commenta a caldo un trader che parla di target 2014 sopra le attese.

"Intanto non fanno un aumento di capitale", dice un analista che però giudica deludente il Common equity Tier 1 al 9,4% secondo Basilea 3.

"C'è stata una pulizia di bilancio stupefacente", dice un altro analista bancario che come il primo sottolinea che la banca non farà una ricapitalizzazione. "In termini di target, la società ha fissato due miliardi di utili per il 2014, noi eravamo a 1,4 miliardi e il consensus è a 1,7 miliardi. Anche i target sul 2018 sono veramente aggressivi, ma dovrebbero rassicurare un po' il mercato dopo questi numeri davvero scioccanti".

(Steve Jewkes, Eliza Anzolin)

  Continua...