March 5, 2014 / 2:39 PM / 3 years ago

PUNTO 1-Fiat-Chrysler, a Mirafiori produzione Suv Maserati da 2015 -AD

3 IN. DI LETTURA

(aggiunge dettagli, commenti sindacalista Cisl)

GINEVRA, 5 marzo (Reuters) - Fiat sta lavorando per realizzare le nuove linee produttive dell'impianto di Mirafiori, dove si prevede che inizino le prime fasi della produzione del Suv Maserati nel 2015 e dove si potrebbe realizzare il nuovo coupè a due porte, Alfieri, presentato in questi giorni al salone di Ginevra.

Lo ha annunciato l'AD, Sergio Marchionne, parlando con i giornalisti a margine del salone.

"Stiamo industrializzando l'impianto di Mirafiori adesso", ha detto l'AD.

"Vedremo le prime scocche l'anno prossimo", ha aggiunto Marchionne a chi chiedeva i tempi dell'inizio della produzione del Suv Maserati.

Ma il sindacato dice che la parte importante, cioè i lavori di montaggio delle nuove linee produttive non è ancora partita. Secondo il segretario della Fim-Cisl di Torino, Claudio Chiarle, infatti, "sono stati fatti tutti i lavori di preparazione per l'installazione delle linee, che per ora non vediamo ancora".

"Se poi é stato annunciato oggi e parte domani, bene .." aggiunge Chiarle, contattato telefonicamente da Reuters.

Produzione Alfieri Potrebbe Partire in 24/28 Mesi

Per quanto riguarda il modello Alfieri, nuovo coupè Maserati presentato al salone, "le piattaforme ci sono, i motori ci sono: tecnicamente la produzione potrebbe partire nei prossimi 24-28 mesi", ha detto Marchionne.

Alfieri potrebbe essere il secondo modello da realizzare a Mirafiori, anche se l'AD non ha dato indicazioni sul fatto che il prototipo verrà realmente messo in produzione.

Attualmente allo stabilimento alle porte di Torino si realizza solo la MiTo Alfa Romeo e si fa ampio uso della cassa integrazione, con le linee che sono operative per tre giorni al mese.

Diversa situazione alle Officine Maserati di Grugliasco, che ha raddoppiato di fatto l'occupazione assorbendo lavoratori di Mirafiori in cassa e potrebbe quasi triplicarla da metà anno, dice il sindacato.

"Attualmente sono al lavoro i 1.100 della ex-Bertone più altri 900 di Mirafiori, abbiamo raddoppiato lo stabilimento", dice Chiarle. "Se il trend di ordini continua come previsto da metà anno si dovrà ricorrere al terzo turno, quindi 8-900 persone, che arriveranno ancora da Mirafiori".

Chiarle ritiene non sia difficile arrivare alla piena occupazione nel cosiddetto polo del lusso torinese, che comprende Officine Maserati e Mirafiori.

"L'andamento di Maserati dimostra che l'alto di gamma incontra il favore del mercato anche in tempi di crisi", dice Chiarle. "Se vengono introdotti i nuovi modelli attesi, quindi Alfieri o un'altra Maserati e l'ammiraglia di Alfa Romeo, si dovrebbe riuscire a dare piena occupazione allo stabilimento" aggiunge.

(Stefano Rebaudo)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below