Tesoro replica a Ue: determinati a ridurre cuneo fiscale

mercoledì 5 marzo 2014 15:27
 

ROMA, 5 marzo (Reuters) - Il governo intende affrontare "con determinazione" il problema dell'elevato cuneo fiscale per rilanciare la competitività sui mercati internazionali delle imprese italiane.

Così il ministero dell'Economia replica al rapporto della Commissione europea che oggi ha lamentato gli eccessivi squilibri macroeconomici dell'Italia.

"Ora è giunto il momento di porre al centro dell'azione del governo la crescita economica e l'occupazione", dice il ministero dell'Economia annunciando un programma di riforme "in linea con le indicazioni dell'Unione europea".

Bruxelles sollecita il governo a "portare avanti urgentemente le riforme per rafforzare la crescita e la creazione di posti di lavoro" e lamenta un'insufficiente riduzione del disavanzo strutturale nel 2014.

"Lo sforzo per correggere l'andamento dei conti pubblici è stato significativo negli ultimi due anni, con un aggiustamento fiscale di circa 3 punti percentuali in termini strutturali grazie al quale la soglia del 3% non è stata superata. Questo ha consentito di contenere l'aumento del rapporto debito/Pil", prosegue il Tesoro dicendo che l'andamento del debito "deriva prevalentemente dal denominatore del rapporto" e dal contributo italiano al fondi Salva Stati europei.

"Il calo dello spread sotto i 200 punti base testimonia come gli sforzi del Paese siano stati importanti e riconosciuti", aggiunge la nota.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia