Creval sale oltre 13% dopo annuncio aumento, clima positivo su settore

mercoledì 5 marzo 2014 10:09
 

MILANO, 5 marzo (Reuters) - Corre senza freni il Credito Valtellinese dopo aver annunciato ieri, insieme ai conti 2013 e al nuovo piano industriale al 2016, un aumento di capitale fino a 400 milioni di euro.

Intorno alle 10 il titolo è di nuovo in asta di volatilità dopo un rialzo del 13,2% a 1,41 euro che si aggiunge al +4,6% di ieri, giornata euforica per tutto il comparto bancario; intensi i volumi. Oggi il settore sale a Milano dello 0,9% a fronte del +0,5% di quello europeo.

Mps sale del 4%, UBI del 2,6%, MEDIOBANCA del 2,2%; avanzano di oltre l'1% UNICREDIT e INTESA SP.

"Sinceramente è un po' sorprendente questa reazione sul CreVal dopo l'annuncio di un aumento che si affianca ad altre varie operazini simili in agenda nei prossimi mesi. Siamo all'opposto di quanto accadeva due anni fa: ora tutto ciò che fanno le banche piace e si ha fiducia che ogni operazione vada a buon fine", osserva un trader che sottolinea l'affinità tra l'umore sul settore e quello sui titoli di stato italiani, con lo spread Italia/Germania su nuovi minimi da giugno 2011.

"Il mercato si è comportato in modo simile anche con il Banco Popolare", aggiunge un altro operatore che parla di "acquisti speculativi".

Equita ha confermato oggi il suo "buy" sul titolo alzando il target a 1,5 da 1,43 euro dopo un quarto trimestre 2013 che giudica migliore delle attese. "Crediamo che l'elevata patrimonializzazione abbia l'obiettivo di ridurre al minimo i rischi da AQR/stress test e offra le risorse eventualmente per cedere NPLs", dice il broker.

"Il valore dell'aumento è nella parte alta delle attese e comporta una diluizione di circa il 50%", commenta un altro analista.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...