Chrysler rinuncia a fondi per impianti Canada

martedì 4 marzo 2014 19:45
 

TORONTO, 4 marzo (Reuters) - Il gruppo Chrysler ha annunciato oggi che intende ritirare la richiesta di fondi governativi per contribuire allo sviluppo di due dei propri impianti di assemblaggio a Windsor e Brampton, in Canada.

Chrysler, controllata da Fiat Chrysler Automobile, ha confermato che ha in programma di concentrare lo "sviluppo e l'industrializzazione" dei suoi minivan di prossima generazione nella fabbrica di Windsor e ha reso noto che l'impianto di Brampton beneficierà di "interventi produttivi sostanziali".

L'Ad Sergio Marchionne ha detto che "l'impegno dell'azienda in Canada resta forte" e che comunque Chrysler si riserva il diritto "di rivalutare la nostra posizione con il cambiamebto delle condizioni" della manifattura nel Paese.

L'azienda ha spiegato che, rinunciando a chiedere l'aiuto governativo, guarderà alle alternative strategiche senza preclusioni, per ciò che riguarda lo sviluppo e gli stanziamenti.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Chrysler rinuncia a fondi per impianti Canada | Notizie | Società Estere | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    18,596.66
    -1.18%
  • FTSE Italia All-Share Index
    20,385.96
    -1.15%
  • Euronext 100
    940.30
    -0.81%